Scuola, approvate dalla Giunta Comunale 3 azioni positive per le scuole locali e elbane.

0
163

Con la delibera di Giunta Comunale n°34-35-36 del 24 marzo 2016 sono state approvate 3 misure riguardanti le scuole del nostro territorio. Con la prima delibera il Comune di Campo nell’Elba aderisce all’iniziativa della Regione Toscana a sostegno dell’offerta di servizi educativi per la prima infanzia (3-36 mesi) per l’anno educativo 2016/2017; questa misura consentirà all’Ente di poter acquistare “posti-bambino” (così definisce l’iniziativa regionale finanziata dal Fondo Sociale Europeo i “posti” presso i Nidi d’Infanzia) presso le strutture educative private accreditate. I “posti-bambino” saranno successivamente assegnati alle famiglie che avranno i requisiti per farne richiesta (ISEE) sulla base di specifiche graduatorie.
Con la Delibera n°35 l’Amministrazione Comunale ha scelto di investire il 5×1000 dei contribuenti che scelgono la destinazione al Comune di Campo nell’Elba per interventi e supporto al Comprensivo G.Giusti e in particolare per la realizzazione di progetti didattici di ricerca e catalogazione di informazione e documenti sulla storia locale da attuare in collaborazione con l’Archivio Storico Comunale.
Infine, con la D.G. N°36 è stata avviata la collaborazione con l’Istituto Tecnico Commerciale e per Geometri “G.Cerboni” per il progetto di alternanza “Scuola Lavoro” che si è affiancata alla collaborazione precedentemente avviata con l’ISIS Foresi; grazie agli accordi tra Comune e Scuole, i ragazzi hanno potuto partecipare al funzionamento degli Uffici Comunali ed in particolare dell’Archivio Storico.
L’Assessore M.Cristina Galli non nasconde la sua soddisfazione: “Le iniziative deliberate dalla Giunta Comunale manifestano il costante impegno del Comune di Campo nell’Elba nell’intercettare e mettere in rete ogni iniziativa locale e regionale a favore dell’educazione e della crescita culturale dei giovani cittadini, anche dei più piccoli: mi riferisco al progetto dei “posti bambino” presso i Nidi d’Infanzia che consentirà alle mamme di poter conciliare al meglio i tempi per le cure familiari e per il lavoro. La messa in rete delle Scuole con l’Archivio Storico invece vuole essere l’inizio della costruzione della Banca Elbana della Memoria, iniziativa che, come capofila della Gestione Associata degli Archivi Storici dell’Elba, abbiamo candidato al Programma Trasfrontaliero Europeo Interreg 2014-2020 con capofila il Museo di Storia Naturale della Provincia di Livorno e in collaborazione con le tre Università Toscane e altri partner della Francia e della Sardegna”.