Parte dalla Sicilia la «Rivoluzione verde»

0
713

Dopo Falck Renewables —che sulla piattaforma “white label” ColtiviamoEnergia.it ha permesso ai cittadini siciliani di partecipare alla transizione energetica beneficiando di un investimento particolarmente redditizio, sostenibile e sicuro— è ora Green Enesys (www.greenenesys.com) a sbarcare sulla piattaforma Ener2Crowd.com con 2 campagne di lending crowdfunding finalizzate alla realizzazione di due differenti impianti fotovoltaici in Sicilia, per una potenza complessiva di 12 MWp.

L’obiettivo di raccolta complessivo è di 200 mila euro ma l’aspetto più importante è la volontà dello sviluppatore internazionale «Green Enesys» —attivo da oltre 10 anni nella realizzazione di impianti per le generazione di energia da fonti rinnovabili— di rendere più inclusive le proprie iniziative.

Volendo coinvolgere maggiormente la cittadinanza locale, gli interessi proposti al crowd sono diversificati, prevedendo il 6,25% per i residenti in Sicilia ed il 5,25% per il resto degli investitori. Su queste prime campagne proposte dalla società sarà inoltre applicabile la formula del «codice amico» che permette di invitare un amico —un conoscente o un parente— a finanziare la raccolta, ottenendo un bonus del +0,5% per entrambi, chi invita e chi viene invitato.

Green Enesys annuncia così le sue prime campagne di lending crowdfunding in Italia. Le iniziative si svilupperanno attraverso prestiti remunerati, in modalità crowdfunding, al momento riservato ai soli siciliani

L’apertura per il resto d’Italia è prevista a distanza di una settimana sempre su Ener2Crowd.com —la prima piattaforma italiana di lending crowdfunding ambientale ed energetico— dove sarà possibile per i singoli cittadini partecipare alla realizzazione di questi nuovi impianti fotovoltaici con investimenti di anche solo poche centinaia di euro e ricevere una remunerazione annuale sul prestito effettuato per la durata di 2 anni.

La Sicilia si mette così in parallelo ad altre realtà europee nella produzione di benefici ambientali, diventando un esempio di come si possa fare transizione energetica con player internazionali anche in location più complesse quali appunto la Sicilia, che diventa così un’avanguardia tecnologica ed economica d’Italia.

«Produrre energia pulita e conveniente è il nostro contributo concreto alla società, per arrivare a godere di un futuro migliore. Il nostro scopo è guidare il cambiamento e contribuire attivamente alla transizione energetica attraverso un portfolio diversificato e sostenibile di soluzioni. Per farlo siamo convinti che il coinvolgimento delle comunità locali sia di primaria importanza, soprattutto se permette loro di beneficiare in modo tangibile dell’impronta positiva che le rinnovabili sono in grado di portare sui loro territori» sottolinea Marianella Chabaneau, Chief Operating Officer di Green Enesys.

«Il nostro obiettivo non è solo quello di far conoscere i progetti di energia rinnovabile che stiamo sviluppando, ma anche quello di creare una migliore comprensione dei desideri e dei bisogni dei cittadini. Fornendo energia pulita ed accessibile, ci immaginiamo di contribuire a plasmare il loro futuro» aggiunge Giorgio Ponte,responsabile dello sviluppo dei due impianti siciliani.

«Quella siciliana è una delle comunità energetiche più fortunate. Grazie alla sua grande dotazione di risorsa solare questa regione sarà crocevia di enormi investimenti nel campo delle rinnovabili —oggi perfettamente integrabili con le attività agricole e pastorizie— e nel campo dell’idrogeno per cui le rinnovabili sono fondamentali» mette in evidenza Niccolò Sovico, ceo di Ener2Crowd.

«Green Enesys ha scelto di usare un linguaggio sociale vicino alle persone, testimoniando in modo concreto la sua visione di coesione sostenibile, imperniata su opportunità di investimento accessibili ed eque» aggiunge Giorgio Mottironi, Chief Strategy Officer di Ener2Crowd nonché Chief Analyst del GreenVestingForum.it.

Articolo precedenteOrto nelle scuole per educare alla sensibilità
Prossimo articoloDa lunedì 7 marzo un laboratorio e uno spettacolo per riflettere sul ruolo della donna e dell’uomo nella comunità

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here