Cresce a Milano il Centro di Nanoscienza

0
785

Grazie a un finanziamento di 2 milioni di euro di Regione Lombardia, il Centro CNST nei prossimi mesi si sposterà in una nuova sede in via Rubattino, con strumentazioni rinnovate e un ampliamento dei laboratori, dove oggi lavorano quattro vincitori di premi ERC e che già collaborano con atenei e imprese del territorio.

L’Accordo di collaborazione, approvato dalla Giunta di Regione Lombardia su proposta dell’assessore all’Istruzione, Università, Ricerca, Innovazione e Semplificazione Fabrizio Sala, sarà sottoscritto durante una cerimonia ufficiale che si svolgerà a fine anno a ridosso del trasferimento del Centro, previsto entro l’inizio del 2023.

“Questo accordo – ha spiegato Fabrizio Sala – favorirà e implementerà le attività di ricerca, innovazione e il trasferimento tecnologico sul territorio. E’ una grande opportunità per accrescere la competitività di Regione Lombardia in campi quanto mai attuali come le energie rinnovabili, sostenibilità ambientale, nanotecnologie, materiali avanzati e salute, sia in termini economici sia accademici”.

L’ACCORDO: NUOVI LABORATORI, ATTREZZATURE, SINERGIE – L’intesa si inserisce nell’ambito dell’intervento per il trasferimento del Centro di Nanoscienza e Tecnologia (CNST) dall’attuale sede di via Pascoli al nuovo plesso di via Rubattino 81, nell’area ‘ex Innocenti’.

Questo permetterà un consistente ampliamento dei laboratori CNST, praticamente un raddoppio: si passerà dagli attuali 1.800 metri quadri fino a quasi 3.500 metri quadri, con una sinergia completa con il laboratorio di Robotica/Additive Manufacturing relativo al progetto HUB Lombardia, già finanziato.

L’Accordo prevede dunque:
– il trasferimento della sede operativa con i laboratori già esistenti;
– la realizzazione di nuovi laboratori, con nuova strumentazione e attrezzature tramite l’acquisto di impianti, macchinari, attrezzature tecnico-scientifiche.

IL CNST COME LEVA DI INNOVAZIONE E SVILUPPO – Il Centro di Nano Scienza e Tecnologia (CNST) dell’IIT è stato fondato nel dicembre 2009.

Fa ricerca fondamentale nel campo della scienza dei materiali, per la scoperta di materiali innovativi o tecnologie per applicazioni nel campo della sostenibilità ambientale e della salute.

Conta infatti quattro linee di ricerca, due startup incorporate e due avviate oltre alla partecipazione a iLABEL, uno dei progetti di eccellenza vincitori del bando “Call Hub Ricerca e Innovazione” di Regione Lombardia.

I RAPPORTI CON ATENEI E INDUSTRIE – Il Centro attrae studenti da tutti gli atenei, nazionali e internazionali, a cui offre tesi di laurea e di dottorato all’avanguardia in campi quali energie rinnovabii, nanotecnologie, medicina, fotonica avanzata ed elettronica organica.

Il CNST promuove inoltre l’innovazione industriale attraverso numerosi contatti con le industrie, prevalentemente lombarde: sia in forma diretta, attraverso propri laboratori di ricerca multi-disciplinari, sia in forme indirette, facendo leva su collaborazioni a rete con laboratori e gruppi di eccellenza.

Al CNST lavorano circa 100 persone: l’età media è di 33 anni, l’ambiente è internazionale grazie a un 30% di stranieri.

La percentuale di ‘placement’ dei giovani dottori di ricerca e post-doc nel mondo del lavoro è del 100%, con tempi per l’assunzione brevissimi, nell’ordine di qualche mese.

Articolo precedenteIl ruolo della Provincia è cruciale contro lo spopolamento dell’entroterra
Prossimo articoloUn'indagine globale convalida l'emergere di una nuova practice area nell’Enterprise IT valutata 30 miliardi di dollari

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here