Jazz Amore: lunedì 17 aprile è la volta della star internazionale Jeff Berlin

0
291

Dopo il grande successo registrato con Frank Gambale, nuovo appuntamento per la rassegna JazzAmore.
Lunedì 17 aprile al Teatro Auditorium Unical ad esibirsi sarà Jeff Berlin, musicista statunitense considerato da molti come uno dei più importanti e virtuosi bassisti elettrici Jazz in attività dagli anni 70′ ad oggi.
La padronanza dello strumento gli è infatti valsa le lodi da parte di artisti del calibro di Geddy Lee, Marcus Miller e Jaco Pastorius. Conosciuto per il suo lavoro nella scena jazz fusion, ha suonato, dal vivo e in studio con artisti come Pat Metheny, Van Halen, Rush, Stanley Clarke, Yes (Anderson Bruford Wakeman Howe), Allan Holdsworth, Kazumi Watanabe. Ad accompagnare la sua fulgida carriera una lunga lista di collaborazioni eccellenti, fra le quali John McLaughlin, Issac Hayes, Bill Bruford, Billy Cobham, Yes, Allan Holdsworth, Toots Thielemans, David Liebman, Arturo Sandoval, Michael e Randy Brecker, Mike Stern e Bill Frisell.

La kermesse promossa da MK Live con la collaborazione di Unical e Cams -Centro Arti Musica e Spettacolo- e con il sostegno del Ministero della Cultura, segna dunque un altro colpo portando sul palco del TAU un altro concerto di qualità.
Jeff Berlin sarà accompagnato da giovani e affermati musicisti: il batterista Israeliano Asaf Sirkis, i cileni Jorge Vera e Emilio Garcia.

La rassegna prevede per tutti gli appuntamenti che si svolgeranno al TAU, il costo ridotto del biglietto per studenti, docenti, ricercatori, personale Unical, oltre che per gli studenti del Conservatorio Stanislao Giacomantonio.
I ticket saranno disponibili in prevendita presso l’agenzia Inprimafila a Cosenza o al botteghino il giorno dell’evento mostrando il Tesserino Unical.

Prossimi appuntamenti con JazzAmore al Mood Social Club il 10 maggio con il live di Matteo Mancuso e il 20 maggio con Virgil Donati.

Articolo precedenteTROPEA PROTAGONISTA DEL CINEMA INTERNAZIONALE
Prossimo articoloAiutarli a casa loro? Più sviluppo e meno migrazioni per superare la retorica

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here