Generazione Alpha, ovvero i nativi digitali

Amano la tecnologia, gli altri e la natura: ecco la generazione che sta cambiando le regole superando i tradizionali stereotipi

1
321

by Riccardo Cacelli
Londra – Chi sono i Generazione Alpha?
Sono i figli della Generazione Y (Millenials, nati tra il 1981 ed il 1996) e i fratelli minori della Generazione Z (Zoomers, nati tra il 1997 ed il 2010).
Alla Generazione Alpha, appartengono quindi tutti coloro che sono nati dal 2010 sino ad oggi e probabilmente sino al 2024.
Sono i primi veri “nativi digitali”: moderni, iperconessi, green, inclusivi.
Rappresentano un pubblico di consumatori ancor più specifico ed esigente.
I membri della Generazione Alpha a causa della pandemia hanno dovuto imparare a gestire nuove emozioni e a fare i conti con la necessità di stare lontani da parenti e amici.

La distanza sociale è divenuta per loro un fatto naturale, tanto che molti degli impulsi e delle tendenze naturali insite nei bambini – avvicinarsi ai propri simili, giocare insieme, prendere per mano – sono state man mano rimodellate fino a dar vita ad un nuovo tipo di socialità con cui essi dovranno fare i conti anche da adulti.

Appartengono ad una nuova umanità che sembra non conoscere barriere, né tra reale e virtuale, né tra uomo e donna, né tra etnie, e che ha a cuore il futuro del pianeta.

La Generazione Alpha ha quindi un’anima molto “green”.
Il 39% dei bambini in tutte le fasce d’età si preoccupa, ad esempio, della raccolta differenziata, mentre il 43%  è molto attivo con progetti sul tema a scuola.

Solo il 28% non è particolarmente sensibile alla sostenibilità ambientale.

In generale per loro c’è molta preoccupazione per lo stato di salute del nostro pianeta.
Per il 54% di loro la Terra sta “molto” o “abbastanza male”, per il 41%, invece, “così così”.
Il 51% pensa che dovremmo fare molto di più per aiutare il pianeta.

Nati dopo Faceook, Instagram, Youtube e Twitter non conoscono il mondo senza internet e socila media.
Il 62% di loro inzia ad usare i dispositivi tecnologici prima dei 5 anni. Usano principalmente lo smartphone (62%) e tablet (55%).
Per cosa li usano?
Per giocare (50%), guardare vido o cartoons (21%), per seguire le lezioni (10%).

La Generazione Alpha, inoltre, guarda il mondo attraverso TikTok: in formato video, in continuo scrolling e con tempi super veloci.

Nel 2022, TikTok è stata proclamata l’app più amata dai giovanissimi tra i 13 e i 15 anni.
I brand stanno ripensando le proprie strategie social alla luce di queste tendenze per intercettare non solo i consumatori del presente, ma anche quelli del prossimo futuro.

Che sta bussando alle porte.

E la mobilita’ aerea urbana rappresenta per loro una delle soluzioni ideali per risolvere i problemi ambientali cittadini (traffico auto), delle aree perfiferiche e per tutelare maggiormente il pianeta Terra.

Il futuro del pianeta e’ nelle loro mani e nei loro cuori.

Riccardo Cacelli
r.cacelli@cacelli.com

.

 

Articolo precedenteRiassunto: La conferenza sul futuro dell'elettrificazione giunta alla sua terza edizione
Prossimo articoloEnergy Dome annuncia l'impegno di finanziamento da parte di Breakthrough Energy Catalyst e della Banca europea per gli investimenti per sovvenzionare la costruzione della sua prima CO2 Battery di scala commerciale
Business Advisor in Advanced Air Mobility and Urban Air Mobility, Unconvetional Marketing, Blue Ocean Strategy www.cacelli.com r.cacelli@cacelli.com

1 Commento

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here