Donne In Rete contro la violenza della Calabria

0
175

Il Coordinamento dei Centri Antiviolenza D.i.Re – Donne In Rete contro la violenza della Calabria denuncia iter
pericolosi per la presa in carico delle donne vittima di violenza
Il Coordinamento dei centri antiviolenza della Calabria afferenti a D.i.Re – Donne in rete contro la violenzaorganizzazione nazionale che raccoglie oggi in Italia 106 CAV, 62 CR, con 20.711 donne accolte e 2874 attiviste,
prende atto di una grave situazione: ci sono centri antiviolenza in Calabria – come l’associazione “Astarte” di Catanzaro
– che stanno portando avanti progetti di accoglienza delle donne e minori vittime di violenza non conformi con le
procedure nazionali e internazionali, quali la Conferenza Stato Regioni del 2022 e la Convenzione di Istanbul.
La violenza di genere non deve essere affrontata come questione emergenziale, bensì come fenomeno strutturale e
culturale radicato nella società e ciò ha bisogno di progetti condivisi e di politiche integrate.
È fondamentale evidenziare che esiste a livello nazionale una specificità della metodologia di accoglienza dei Centri
Antiviolenza e delle Case Rifugio basata su un approccio e su una metodologia di genere, non giudicante e sulla cocostruzione di un percorso definito insieme alle stesse donne, applicando il principio di autodeterminazione (nel rispetto
dei loro tempi) , della massima riservatezza e anonimato.
La “presa in carico” della donna e dei minori vittime di violenza deve essere gestita da donne qualificate e formate,
presenti nei centri antiviolenza e nelle case rifugio, già autorizzati e riconosciuti a livello istituzionale, e non può essere
demandata a soggetti terzi, quali le Famiglie affidatarie, e i Single forniti di sola buona volontà, come previsto dal
progetto “Regalami un sorriso” comunicato dall’associazione Astarte di Catanzaro.
Le motivazioni alla base di tutto ciò sono molteplici:
Sicurezza e protezione: Le donne vittime di violenza si trovano spesso in situazioni di grave pericolo. Solo chi è
qualificato è in grado di predisporre la procedura della valutazione del rischio e di mettere in atto le misure necessarie
per garantire la sicurezza e la protezione delle stesse donne e dei minori.
Comprensione del trauma: La violenza di genere è un trauma complesso che ha effetti devastanti sulla salute e sulla
vita di una donna. Solo chi è qualificato è in grado di comprendere la natura del trauma e di fornire un supporto
adeguato e ciò al fine di elaborare il vissuto violento delle donne.
Empatia e rispetto: Le donne vittime di violenza hanno bisogno di essere ascoltate e credute. Solo chi è qualificato è in
grado di creare un ambiente sicuro e di fiducia attraverso la tecnica “dell’ascolto attivo”.
Professionalità e competenza: La presa in carico delle donne e dei minori vittime di violenza di genere richiede
formazione e competenze specifiche a livello psicologico, legale, medico e sociale.
Nessuno mette in dubbio la buona volontà di fare del bene e aiutare le donne vittime di violenza da parte di molti, ma
bisogna distinguere il voler far del bene rispetto al saper far bene che presuppone formazione, competenze ed
esperienza convalidata a livello nazionale.
Si tratta perciò di predisporre percorsi che abbiano una coerenza con le norme esistenti, con le procedure accreditate e
già definite per aiutare le donne e i minori vittime di violenza.
Accogliere una donna implica dover avviare un “progetto” dedicato, individualizzato, di aiuto concreto, adeguatamente
e costantemente supportato stante la loro vulnerabilità, al fine di recuperare la propria autostima, l’empowerment e la
propria indipendenza; inoltre la presenza di minori, vittime di violenza assistita, richiede ulteriori azioni specifiche da
dover mettere in atto.
Non si può delegare l’accoglienza della donna e dei minori in fase emergenziale alla permanenza presso una famiglia
affidataria priva delle competenze, ciò può solo portare che ritornino sui loro passi o che vengano ri-vittimizzate.
Non si tratta di mettere in atto la semplice buona volontà o l’accoglienza, quanto piuttosto di operare efficacemente con
gli strumenti predisposti e conosciuti dai centri antiviolenza e dalle case rifugio.
Stupisce che gli organismi donatori non abbiano effettuato una analisi approfondita, valutando la pertinenza del
progetto rispetto a quelle che sono le norme nazionali in vigore.
In ultimo da evidenziare è la situazione di grave rischio e pericolo per la donna e i minori con le possibili reiterazioni
dei comportamenti violenti da parte degli autori maltrattanti che potrebbero mettere a repentaglio la sicurezza delle
stesse ed estendersi e gravare sulla famiglia accogliente.
D.i.Re – Donne in rete contro la violenza- Coord. Calabria
Centro Antiviolenza “Attivamente Coinvolte” Aps
Centro Antiviolenza “Roberta Lanzino”Aps
D.i.Re. – Donne in rete contro la violenza è la Rete nazionale antiviolenza e si compone di 87
organizzazioni dislocate sul territorio nazionale, che gestiscono Centri antiviolenza e Case
rifugio, affiancando oltre 20.000 donne ogni anno. D.i.Re e le organizzazioni socie sono attive
politicamente per determinare il cambiamento culturale necessario per l’eliminazione della
violenza maschile alle donne.

Articolo precedenteRiassunto: Uno storico progetto per collegare Roma e la Città del Vaticano utilizza una tecnologia avanzata e conoscenze locali per far sì che la rete idrica sia sempre funzionale
Prossimo articoloRoma, al via il ciclo di conferenze Vino Sapiens

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here