Volterra chiude il punto nascita, Donzelli e Mugnai (Pdl): “Dalla Regione un’accelerazione arrogante contraria a ogni logica di buon servizio sanitario”

0
1325

Firenze – «Se verrà confermata ufficialmente, la decisione di chiudere il punto nascita di Volterra entro la fine del mese è un atto di arroganza istituzionale verso i cittadini e verso noi Consiglieri regionali che su questo attendevamo risposta a una nostra interrogazione nelle sedi opportune. Si tratterebbe dell’ennesimo strappo istituzionale da parte della giunta verso il Consiglio, ma anche di uno schiaffo a ogni logica di buon servizio sanitario». Questo il commento con cui i Consiglieri regionali del Pdl Giovanni Donzelli e Stefano Mugnai (Vicepresidente della Commissione Sanità) stroncano nel merito e nel metodo la decisione trapelata oggi sulle cronache locali di Volterra da fonti interne alla Asl 5.
«Solo pochi giorni fa – spiegano i due esponenti del Pdl – avevamo presentato un’interrogazione che richiamava la giunta regionale a un ripensamento rispetto alla scelta di chiudere il punto nascita volterrano. Ci aspettavamo, perché ci era dovuta, una risposta nelle opportune sedi istituzionali e non un trafiletto che dall’alto emana una decisione anticipata non si sa su quali basi se non quelle fornite dall’astrattezza dei dati. Che però poi vanno calati sui territori. Se infatti è vero che il parametro indicato dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) come un tetto sotto cui non scendere parla di 500 parti l’anno, è poi anche verissimo che il punto nascita di Volterra accoglie utenti da un territorio morfologicamente difficile e a cui, tra le altre cose, proprio in queste settimane si stanno sottraendo alternative nell’offerta sanitaria, come dimostra il declassamento proprio del reparto di ostetricia e ginecologia dell’ospedale di Cecina».

Articolo precedenteMinisteri al Nord, Lega: “Tregua fino ai ballottaggi ma poi si farà”. Premier nervoso: “Troppo peso politico a voto amministrativo”
Prossimo articoloLibia, Cameron e Obama: sconfiggeremo il regime

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here