Competiamo ad armi pari. Se vogliamo vincere e continuare ad essere un Paese sovrano.

0
683

finmeccanicaLondra – Parliamo di Finmeccanica per parlare di “strategia bellica”.
Finmeccanica è stata fondata il 18 marzo 1948 a Roma. Oggi ha oltre 70.000 dipendenti. Si occupa di Aeronautica Aerospaziale, Telecomunicazioni, Difesa, Energia, Trasporti.
Nel 2013 ha avuto un fatturato di oltre 17 miliardi di euro ed un utile di 2,3 miliardi.

In questi giorni è nell’occhio del ciclone. Arrestato il presidente Orsi perchè avrebbe pagato tangenti al governo dell’India per un contratto di fornitura di elicotteri per un totale di 750.000.000 milioni di euro.

Premesso che pagare le tangenti non è corretto e giusto, ma il mercato globale ha le sue regole non scritte che vanno oltre. Avere gli occhi rivestiti di prosciutto e non vedere o comprendere come funzionano oggi certi “meccanismi” è da idioti o da impreparati.

O peggio ancora agire in malafede.

Corridoi Transeuropei TEN-T
Corridoi Transeuropei TEN-T
L’Italia, è inutile negarlo, è sotto attacco come sono sotto attacco tutti i Paesi che si affacciano nel Mediterraneo.
I Paesi che si affacciano nella parte Nord: Spagna , Francia, Italia, Grecia dove la democrazia è sana e resistente sono attaccate quotidianamente a livello economico e finanziario.
I Paesi del sud del Mediterraneo, dove la democrazia è una parola abbastanza sconosciuta, Tunisa, Egitto, Libano, Siria, sono sotto attacco sociale con guerre civili e rivoluzioni.
Perchè? Forse perchè sono molto importanti i corridoi Transeuropei TEN-T?
O molto più importante è il corridoio meridionale?
Corridoio Sud Mediteraneo
Corridoio Sud Mediteraneo
L’Europa con i suoi 819 milioni di abitanti è un mercato per il gas asiatico niente male.
E il Mediterraneo rappresenta un’area di assoluta rilevanza strategica.
Controllare i Paesi che si affacciano nel “Mare Nostrum” è di vitale importanza per chi vuole controllare i traffici delle merci, sei servizi e dell’energia degli anni futuri.
Indebolire un Paese, indebolire la sua economia, indebolire le migliori aziende potrebbe far parte di una “strategia bellica” che solo nei prossimi anni riusciremmo a capire.
I popoli non sanno chi è il nemico.
I grandi corridoi del gas e del petrolio
I grandi corridoi del gas e del petrolio
Se è un altro Paese o se è un’organizzazione criminal-economica.
Non lo vedono in faccia.
Non è visibile ad occhio nudo.
Ma è pericolosissimo perché muove i suoi “soldati” a tempo, senza fare prigionieri e lasciando dietro di se macerie morali ed economiche che difficilmente noi dimenticheremo o dimenticheranno le generazioni future.
L’Italia è in tutto questo. Credo.
Indebolire l’Italia, indebolire i Paesi del Sud Europa, significa indebolire un mercato. E quando un mercato è debole è a basso prezzo.
Probabilmente l’Europa e i popoli europei dovranno diventare, secondo i nostri nemici, deboli molto deboli per essere acquistati e soggiogati.
E l’indebolimento si inizia con i popoli per poi passare alle piccole imprese, attraverso operazioni finanziarie a scadenza, poi si passa alle grandi aziende.
Finmeccanica ed Eni sono le due più grosse aziende italiane a valenza internazionale.
Indebolire loro è indebolire il sistema Italia.
Loro per rimanere ai vertici devono pagare tangenti, altrimenti le commesse finiscono in altre mani o Paesi.
Allora se una grande azienda italiana paga tangenti a giro per il Mondo per poter lavorare e far lavorare, credo sia opportuno in questo periodo che il legislatore promulga una norma che permetta questo…. diciamo tipo inserire in bilancio “spese di incentivazione alla vendita dei prodotti e servizi”.
Almeno si compete con i concorrenti a livello globale ad armi pari.
E la guerra continua e con la certezza di uscirne vincitori.
Per continuare ad essere un Paese sovrano.


Riccardo Cacelli

Cacelli Management & Consulting Ltd

Cacelli Management-Consulting | Crea il tuo badge

Articolo precedenteArrivano i nuovi incentivi per comprare veicoli non inquinanti.
Prossimo articoloBatteri o airguns? Chi sta uccidendo i cetacei dei nostri mari? In un mese 35 esemplari spiaggiati sul solo Tirreno

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here