Biliardo, c’è chi nasce con le palle in testa

Breve riflessione sull'arte del biliardo (palla15)

0
614

Nella cultura cinematografica e letterale il biliardo è sempre stato associato a personalità dure, virili, dalla spiccata personalità. Ma diciamoci la verità, anche loro hanno iniziato come noi nei circoli parrocchiali o nel bar/slagiochi, quando a malapena si arrivava alla sponda e il colpo con il bridge necessitava di sollevamenti a braccia da parte degli amici.
Eppure a molti quel rotolio colorato, quel rumore secco e potente che rilasciava testosterone, quella speranza centesimale nel veder rotolare la biglia verso il suo buio traguardo dava un’adrenalina incontrollabile, fino al raggiungimento della N°1 e, quando anche quella veniva apparecchiata nel suo bel angolino, era inevitabile guardare il tavolo con aria compiaciuta e pensare tra se : ”Adoro i piani ben riusciti!”.
Alcuni si sono accontentati di una bravura amatoriale tra i tavoli di qualche sala biliardo, contenuta ma appagante, giocando con il loro ego e con le icone del cinema. Ma altri hanno scelto una divisa in panciotto e papillon facendo della loro passione un lavoro, anzi una vocazione. Si perché se pensate che per il calciatore siano dure 4/5 ore di allenamento giornaliero sappiate che nemmeno tenere in mano una stecca per 30 ore a settimana è una passeggiata, metteteci altre 10 ore di lavoro fisico per mantenere tonico il corpo e lucida la mente, più le trasferte e la tensione, si perché il biliardo è sopratutto un gioco di testa, bisogna capire quando trattenere l’adrenalina e quando farla uscire, bisogna aver la mente sgombra ma calcolante allo stesso tempo, bisogna essere freddi con il tavolo ed eleganti con le biglie: è un lavoro di nervi, di muscoli, di calcolo e di precisione; non ci si scarica con uno scatto di corsa, ci si tiene tutto dentro fino a quella maledetta N°1 e alla fine, che sia vittoria o sconfitta, ci si congeda sempre con eleganza sicuri di due cose: un applauso che finalmente rompe il silenzio e un altro tavolo che ci aspetta.

In Italia esistono molti appassionati di biliardo e diverse scuole, ve ne voglio segnalare una in particolare che prepara in maniera professionale sia i principianti che le persone più esperte ma con la voglia di migliorare ancora.

Articolo precedentePeggiora la cybersicurezza dei dipendenti
Prossimo articoloCome navigare in maniera del tutto anonima in Internet

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here