Gli effetti del coronavirus sul lavoro: 422 mila posti in meno rispetto al 2019

0
453

Possibili 422mila occupati in meno nel 2020, la metà dei quali ne turismo. E’ quanto emerge dall’aggiornamento realizzato a marzo da Unioncamere del modello di previsione dei fabbisogni occupazionali. “Si tratta – è scritto – di uno scenario di crisi senza precedenti”. Nel 2020, al netto dei lavoratori che beneficeranno della cassa integrazione guadagni ordinaria o in deroga, si stimano, in media annuale, di 422mila unità rispetto al 2019 (-2,1%): per gli indipendenti una riduzione di 190mila unità (-3,4%) e per i dipendenti privati di 232mila unità.

Articolo precedenteCoronavirus, nel monodo 75 mila vittime in Cina primo giorno senza morti
Prossimo articoloCoronavirus, Arcuri: “Nessun ‘liberi tutti’ in vista”

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here