Nuovi scontri a Baghdad: le milizie non vogliono le truppe Usa in Iraq

0
254

Un convoglio di miliziani sciiti mascherati, armati di mitragliatrici e granate ha attraversato apertamente il centro di Baghdad denunciando la presenza degli Stati Uniti in Iraq e minacciando di tagliare l’orecchio al primo ministro. Il minaccioso spettacolo ha sottolineato la crescente minaccia che le milizie fedeli a Teheran rappresentano per l’Iraq ed è arrivato in un momento in cui Baghdad cerca di rafforzare le relazioni con i suoi vicini arabi, preparandosi per le elezioni anticipate, previste a ottobre, in mezzo a una crisi economica in peggioramento e una pandemia globale.

Il corteo della scorsa settimana ha anche cercato di minare la credibilità del primo ministro Mustafa al-Kadhimi, con le milizie allineate con l’Iran che guidano lungo una grande autostrada e passano vicino ai ministeri mentre le forze di sicurezza irachene guardano. Un quarto round del cosiddetto confronto Iraq-USA, con i colloqui che sono previsti per la prossima settimana in risposta alle pressioni delle fazioni politiche sciite e delle milizie fedeli all’Iran che hanno fatto pressioni affinché le restanti truppe statunitensi lasciassero l’Iraq.

I colloqui, iniziati a giugno sotto l’amministrazione Trump, sono i primi sotto il presidente Joe Biden. All’ordine del giorno ci sono una serie di questioni, inclusa la presenza di forze di combattimento statunitensi nel paese e la questione delle milizie irachene che agiscono al di fuori dell’autorità statale. Tale confronto ha lo scopo di plasmare il futuro delle relazioni USA-Iraq.

Una situazione delicata per al-Kadhimi, che ha affermato che portare i gruppi armati sotto il controllo statale è un obiettivo della sua amministrazione ma si trova sempre più impotente nel tenere a freno i gruppi. Funzionari statunitensi hanno affermato che Washington utilizzerà gli incontri per chiarire che le forze statunitensi rimangono in Iraq al solo scopo di garantire che il gruppo dello Stato Islamico “non possa ricostituirsi” – un segnale che porta gli Stati Uniti a mantenere i 2.500 soldati americani in Iraq.

 

I miliziani della parata provenivano principalmente da un oscuro gruppo sciita noto come Rabaallah e risulta far parte dei gruppi emersi dopo l’attacco con droni diretto da Washington che ha ucciso il generale iraniano Qassem Soleimani e il leader della milizia irachena Abu Mahdi al-Muhandis a Baghdad nel gennaio 2020 .

Sia Soleimani che al-Muhandis sono stati fondamentali nel comandare e controllare una vasta gamma di gruppi sostenuti dall’Iran che operano in Iraq, e la loro morte nell’attacco aereo degli Stati Uniti ha indignato i legislatori iracheni, spingendoli ad approvare una risoluzione non vincolante per estromettere la coalizione guidata dagli Stati Uniti. 

Da allora, anche le milizie sono diventate sempre più indisciplinate e disparate. Alcuni osservatori con base a Washington e in Iraq sostengono che le milizie si sono divise in nuovi gruppi precedentemente sconosciuti, consentendo loro di rivendicare attacchi con nomi diversi per mascherare la portata del loro coinvolgimento.

Si ritiene che Rabaallah sia un fronte per una delle più potenti fazioni sostenute dall’Iran in Iraq, che gli Stati Uniti hanno accusato di attacchi missilistici contro l’ambasciata americana a Baghdad e le basi militari che ospitano le truppe statunitensi.

Lo scorso ottobre, il gruppo ha appiccato il fuoco alla sede di un partito politico curdo a Baghdad e ha attaccato gli uffici delle organizzazioni mediatiche locali nella capitale. È stato anche accusato di aggressioni a negozi di liquori e un centro termale asiatico nella capitale irachena.

Rabaallah è arrivato al punto di provare a dettare il tasso di cambio del denaro iracheno con il dollaro, ha chiesto l’approvazione di un bilancio e ha denunciato quella che si diceva fosse “l’occupazione” dell’Iraq da parte degli Stati Uniti”, mostrando poster di al-Kadhimi con una scarpa stampata sulla fronte e un paio di forbici sul lato del viso, con le parole: “È ora di tagliargli l’orecchio”.

L’Iraq si trova sulla linea di frattura tra la potenza sciita dell’Iran e il mondo arabo per lo più sunnita ed è stato a lungo un teatro per il regolamento dei conti regionali, oltre ad essere stato trascinato nella guerra USA-Iran. E sebbene le sue relazioni con gli Stati Uniti abbiano subito un duro colpo dopo l’attacco aereo che ha ucciso Soleimani, i legami sono migliorati da quando al-Kadhimi – approvato sia dall’Iran che dagli Stati Uniti – è diventato primo ministro.

Le milizie sciite mirano a inviare un doppio messaggio all’amministrazione di al-Khadimi: Il primo è un monito contro ogni tentativo di frenare l’influenza delle milizie all’insegna della lotta alla corruzione. L’altro è fare pressione sul governo affinché spinga gli Stati Uniti a ridurre il numero delle forze di coalizione in Iraq.

Da parte sua, al-Kadhimi ha cercato di frenare le attività di guadagno alle frontiere delle milizie, compreso il contrabbando e la corruzione, e ha mostrato ai suoi interlocutori americani che è in grado di tenere sotto controllo gli avversari interni, ma la pressione delle milizie con grande probabilità, sarà destinata ad aumentare in vista dei colloqui strategici con gli Stati Uniti il 7 aprile.

Nei giorni successivi alla parata di Rabaallah, le forze di sicurezza irachene si sono sparpagliate nelle strade e nelle piazze principali della capitale Baghdad in quello che un alto funzionario della sicurezza irachena ha descritto come un “messaggio rassicurante”.Ma per il negoziante di Baghdad Aqeel al-Rubai, che ha assistito alla parata delle milizie di febbraio dalla strada, lo spettacolo della milizia è stato terrificante e riflette un governo impotente. “Ho visto che questo paese è insicuro e inadatto a vivere in pace”.

Articolo precedentePfizer annuncia la sicurezza del vaccino anti-Covid dai 12 ai 17 anni
Prossimo articoloBrasile, governo Bolsonaro in crisi: il via libera di Lula per la candidatura alle elezioni del 2022

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here