Usa, il nuovo assalto a due poliziotti del Campidoglio: la ricostruzione

0
266

Un ufficiale di polizia del Campidoglio è morto dopo che un uomo ha speronato un’auto contro due agenti in una barricata fuori dal Campidoglio degli Stati Uniti e poi è uscito con un coltello. È stata la seconda morte in servizio quest’anno per un dipartimento che sta ancora lottando per guarire dall’insurrezione del 6 gennaio.

Il video mostra l’autista dell’auto che si è schiantata che emerge con un coltello in mano e inizia a correre verso la coppia di agenti, ha detto ai giornalisti Yogananda Pittman, capo della polizia del Campidoglio. Le autorità hanno sparato al sospetto, morto in ospedale. “Chiedo solo che il pubblico continui a mantenere nelle vostre preghiere la polizia del Campidoglio degli Stati Uniti e le loro famiglie”, ha detto Pittman. “Questo è stato un momento estremamente difficile per la polizia del Campidoglio degli Stati Uniti dopo gli eventi del 6 gennaio e ora gli eventi che si sono verificati qui oggi”.

La polizia ha identificato l’ufficiale ucciso come William “Billy” Evans, un veterano di 18 anni che era un membro dell’unità di pronto intervento del dipartimento. Due agenti delle forze dell’ordine hanno detto che gli investigatori inizialmente credevano che il sospetto avesse accoltellato uno degli agenti, ma in seguito non è stato chiaro se il coltello avesse effettivamente avuto contatto, in parte perché il veicolo aveva colpito gli agenti. I funzionari non sono stati autorizzati a discutere pubblicamente le indagini e hanno parlato a condizione di anonimato.

Le autorità hanno detto che non c’era una minaccia in corso, anche se il Campidoglio è stato bloccato per un certo periodo come precauzione. Inoltre, non c’era alcun collegamento immediato tra l’incidente di venerdì e la rivolta del 6 gennaio. Le forze dell’ordine hanno identificato il sospetto come Noah Green, 25 anni.

Gli investigatori stavano scavando nel suo background ed esaminando se avesse una problemi di salute mentale. Pittman ha detto che il sospetto non rientrava nei radar della polizia. Ma l’attacco ha sottolineato che l’edificio e il campus – e gli ufficiali incaricati di proteggerli – rimangono potenziali bersagli di violenza. Green si è descritto come un seguace della Nation of Islam e del suo fondatore, Louis Farrakhan, e ha parlato di attraversare un momento difficile in cui si è appoggiato alla sua fede, secondo i recenti messaggi pubblicati online che da allora sono stati rimossi. I messaggi sono stati acquisiti dal gruppo SITE, che tiene traccia dell’attività online.

Il presidente Joe Biden ha detto in un comunicato che lui e sua moglie avevano il cuore spezzato nell’apprendere dell’attacco e hanno espresso le condoglianze alla famiglia di Evans. Lo schianto e la sparatoria sono avvenuti presso un posto di blocco di sicurezza vicino al Campidoglio, usato tipicamente dai senatori e dal personale nei giorni feriali, sebbene la maggior parte fosse lontana dall’edificio per l’attuale pausa.

L’attacco è avvenuto a circa 91 metri dall’ingresso del palazzo del Campidoglio. Un testimone, il reverendo Patrick Mahoney, ha detto che stava finendo un servizio del Venerdì Santo nelle vicinanze quando ha sentito risuonare tre spari. La regione di Washington rimane in difficoltà quasi tre mesi dopo che una folla di insurrezionalisti fedeli all’ex presidente Donald Trump ha fatto irruzione in Campidoglio mentre il Congresso votava per certificare la vittoria presidenziale di Biden.

Cinque persone sono morte nella rivolta del 6 gennaio, compreso l’ufficiale di polizia del Campidoglio Brian Sicknick, che era tra una forza in inferiorità numerica che cercava di respingere gli intrusi che cercavano di ribaltare le elezioni. Le autorità hanno installato un’alta recinzione perimetrale attorno al Campidoglio e per mesi hanno limitato il traffico lungo le strade più vicine all’edificio, ma hanno iniziato a ritirare alcune delle misure di emergenza.

La recinzione che impediva il traffico veicolare in prossimità di tale area è stata rimossa solo di recente. Evans è stato il settimo membro della polizia del Campidoglio a morire in servizio nella storia del dipartimento, secondo l’ufficiale Down Memorial Page, che segue le morti delle forze dell’ordine.

Inoltre, due agenti, uno della Capitol Police e un altro del Dipartimento di Polizia Metropolitana di Washington, sono morti per suicidio in seguito all’attacco del 6 gennaio. Quasi 140 agenti di polizia del Campidoglio sono rimasti feriti in quell’attacco, compresi gli ufficiali senza elmetti che hanno riportato ferite alla testa e uno con le costole incrinate, secondo il sindacato degli ufficiali.

La polizia del Campidoglio e le truppe della Guardia Nazionale sono state chiamate subito dopo per mettere al sicuro il Campidoglio durante l’inaugurazione di Biden e all’inizio di marzo hanno affrontato un’altra potenziale minaccia legata alle teorie del complotto che affermavano falsamente che Trump avrebbe ripreso la presidenza.

“Oggi, ancora una volta, questi eroi hanno rischiato la vita per proteggere il nostro Campidoglio e il nostro paese, con lo stesso straordinario altruismo e spirito di servizio visti il ​​6 gennaio”, ha affermato la presidente della Camera Nancy Pelosi. “A nome di tutta la Camera, siamo profondamente grati.”

Articolo precedenteProsegue la pressione sulle multinazionali americane per le leggi sul voto statale
Prossimo articoloAncora scontri in Myanmar, aumenta drasticamente il bilancio delle vittime

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here