Il piano israeliano per il reinsediamento e la riabilitazione definitiva in Egitto dell’intera popolazione di Gaza

Piano redatto dall'Istituto per la Sicurezza Nazionale e per la Strategia Sionista

0
620

Roma – Per l’Istituto Israeliano per la sicurezza nazionale e per la strategia sionista esiste attualmente un’opportunità unica e rara per evacuare l’intera Striscia di Gaza in coordinamento con il governo egiziano e per questo hanno elaborato un piano per il reinsediamento e la riabilitazione definitiva in Egitto dell’intera popolazione di Gaza e valutato i suoi aspetti economici.

Il documento e’ stato redatto da Amir Weitman, presidente della fazione libertaria del partito Likud al potere in Israele e gestore degli investimenti nonche’ ricercatore presso l’Istituto Meshgav per la sicurezza nazionale e la strategia sionista.

ECCO IL TESTO INTEGRALE DEL PIANO IN LINGUA ITALIANA


Un piano per il reinsediamento e la riabilitazione definitiva in Egitto dell’intera popolazione di Gaza. Aspetti Economici
Attualmente esiste un’opportunità unica e rara per evacuare l’intera Striscia di Gaza in coordinamento con il governo egiziano


Questo documento presenterà un piano sostenibile con un’elevata fattibilità economica, che è ben allineato con gli interessi economici e geopolitici dello Stato di Israele, dell’Egitto, degli Stati Uniti e dell’Arabia Saudita.

Una sintesi di un piano immediato, realistico e sostenibile per le azioni umanitarie reinsediamento e riabilitazione dell’intera popolazione araba nella Striscia di Gaza. Nel 2017, è stato riferito che ci sono circa 10 milioni di unità abitative sfitte in Egitto, di cui circa la metà sono costruite e l’altra metà sono in costruzione.

Ad esempio, nelle due più grandi città satellite del Cairo, “Il 6 ottobre” e “Il 10 di Ramadan”, c’è un’enorme quantità di appartamenti costruiti e vuoti di proprietà del governo e di privati ​​e aree edificabili sufficienti ad ospitare circa 6 persone. milioni di abitanti.

La maggior parte della popolazione locale non riesce ad acquistare gli appartamenti nonostante il loro prezzo molto basso (solo tra 150 e 300 dollari al metro quadrato).

Anche se lo stock di appartamenti vuoti cambia nel tempo, sembra rimanere Molto grande e disponibile per essere abitato da tutta la popolazione di Gaza.

Il costo medio di un appartamento di 3 locali con una superficie di 95 metri quadrati per una famiglia media di Gaza composta da 5,14 persone in una delle due città sopra indicate è di circa 19.000 dollari, tenendo conto dell’estensione attualmente conosciuta dell’intera popolazione. vivono nella Striscia di Gaza, che ammonta a circa 1,4-2,2 milioni di persone, si può stimare che l’importo totale che sarà necessario trasferire all’Egitto per finanziare questi progetti sia dell’ordine di 5-8 miliardi di dollari.

L’importo riflette un valore compreso solo tra l’1% e l’1,5% del PIL dello Stato di Israele e può essere facilmente finanziato dallo Stato di Israele, Anche senza alcun aiuto internazionale. Come verrà spiegato nel prossimo paragrafo, l’immissione di uno stimolo immediato di questa portata nell’economia egiziana fornirebbe un beneficio enorme e immediato al regime di al-Sisi.

Queste somme di denaro, in rapporto all’economia israeliana, sono minime. Se questo aiuta a spostare la pillola per l’Egitto, è anche possibile raddoppiarle, triplicarle e addirittura quadruplicarle per risolvere la questione della Striscia di Gaza, che da anni rappresenta un ostacolo alla pace, alla sicurezza e alla stabilità non solo nel Nella Striscia di Gaza, ma anche in tutto il mondo: investire singoli miliardi di dollari (anche se si tratta di 20 o 30 miliardi di dollari) per risolvere questo difficile problema è una soluzione innovativa, economica e sostenibile.

In questo contesto, è opportuno ricordare che lo Stato di Israele ha speso circa 200 miliardi di shekel in meno di un anno per curare l’epidemia di Corona. Non c’è motivo di ritenere che non potremo permetterci un pagamento immediato di 20-30 miliardi di shekel, che è fondamentalmente una sorta di pagamento per l’acquisto della Striscia di Gaza, e al quale possiamo comunque aggiungere molto di valore nel tempo, tanto da costituire effettivamente un investimento molto utile per lo Stato di Israele.

Le condizioni del territorio di Gaza, simili a quelle dell’area di Gush Dan, consentiranno in futuro a molti cittadini israeliani di vivere ad alto livello e di fatto espanderanno l’area di Gush Dan fino al confine Egitto. Darà anche un enorme impulso agli insediamenti nel Negev. Contesto economico – Egitto: Il 16/12/2022 il Fondo Monetario Internazionale ha approvato un prestito di salvataggio di 3 miliardi di dollari per l’Egitto a fronte dell’aggravarsi della crisi economica che attraversa (nel 01/2023 l’inflazione in Egitto è salita al 26,5%) ma è condizionato a condizioni e riforme draconiane nell’economia egiziana.

Sebbene il FMI abbia raccomandato di passare a un tasso di cambio flessibile, si prevede che questo approccio aggraverà l’inflazione e peggiorerà addirittura i problemi relativi al costo della vita. Dal 03/2022, la sterlina egiziana ha perso circa la metà del suo valore (il tasso di cambio ufficiale del dollaro è aumentato del 95%, da 15,7 a 30,7 sterline per dollaro, molto meno del tasso del mercato nero), e questo deprezzamento del valore della la valuta ha già danneggiato l’economia egiziana gonfiando notevolmente i costi di importazione di prodotti alimentari nel Paese (circa il 70% della popolazione egiziana che vive con un reddito di pochi dollari al giorno, sopravvive comprando pane e prodotti di prima necessità sovvenzionati dal governo ).

Il settore privato in Egitto fatica a riprendersi e la sua produzione è in costante calo da 26 mesi consecutivi. Anche il prestito è condizionato Quando i privilegi che ricevono sono aziende di proprietà dell’esercito, cosa che potrebbe mettere in pericolo il regime di al-Sisi. Alla luce di questi dati, le raccomandazioni del FMI incontrano una forte opposizione e, allo stesso tempo, la loro attuazione appare altamente improbabile dato il rischio che rappresentano per la stabilità del regime di al-Sisi.

Sembra che il governo egiziano intenda vendere le sue partecipazioni in 35 società statali a investitori strategici entro la fine del 06/2024, quando al momento di scrivere queste righe, È stato raccolto un importo di circa 5 miliardi di dollari, con ulteriori 5 miliardi di dollari destinati alla raccolta.

“Se il governo egiziano riuscisse a promuovere il piano di emissione e ad assicurarsi ulteriori finanziamenti dai paesi del Golfo o da altri partner, la banca centrale egiziana adotterà una politica di cambio più flessibile”, ha detto l’economista Hani Abdul-Fathuh ad Ahram Online.

“La seconda data di audit del prestito del FMI era prevista per metà settembre, ma la prima data, prevista per il mese di 03/2023, non ha avuto luogo affatto. Riguardo a questi due audit Da realizzarsi prima della riunione annuale del Fondo monetario internazionale e del Gruppo della Banca mondiale in Marocco l’8/10”, ha sottolineato Fatuh.

Il debito dell’Egitto è pari al 6% del Pil per l’anno fiscale 2022-2023, il suo rapporto debito/Pil è stato stimato in questi anni al 95,6%, con un Pil di 9,8, pari a circa 318,23 miliardi di dollari. Il valore del deficit netto delle attività estere dell’Egitto ha raggiunto i 26,34 miliardi di dollari nel 07/2023.

(Il valore del deficit netto in attività estere riflette il valore netto delle attività estere possedute dalle banche statali meno le loro passività estere.) Il regime di A-Sisi si trova ad affrontare forti pressioni per ripagare i propri debiti, a fronte della scarsa fiducia degli investitori. Inoltre, il 05/10/2023 l’agenzia di rating Moody’s ha abbassato il rating del credito dell’Egitto da B3 a Caa1, il che significa che i debiti del governo egiziano sono “rischio significativo”. Si tratta del punteggio più basso mai assegnato all’Egitto.

La Cina è il quarto debitore più grande del governo egiziano, con un debito di 7,8 miliardi di dollari al 06/2023.

L’Egitto prevede di ricevere un prestito del valore di circa mezzo miliardo di dollari in obbligazioni, costituite principalmente da yuan cinesi aiutarlo ad adempiere ai propri obblighi.

La maggior parte dei finanziamenti del progetto “Egypt New Capital”, che prevede il trasferimento di tutti gli uffici governativi in ​​una nuova città con processi di costruzione avanzati nel deserto a est del Cairo e vitale per Sisi, provengono da prestiti e commissioni cinesi stimati in 4 miliardi di dollari, con un’elevata rendimenti e ingenti pagamenti di rimborso che l’Egitto ha già difficoltà a far fronte.

Pertanto, anche la Cina ha iniziato a mostrare cautela nell’investire in Egitto alla luce delle sfide finanziarie che quest’ultimo si trova ad affrontare. Tuttavia, anche se la Cina decidesse di iniziare a ridurre i propri investimenti, vorrebbe comunque che il progetto “Egypt New Capital” e altri progetti venissero completati.

La Cina è attualmente concentrata sulle relazioni con gli Stati del Golfo, mentre la sopravvivenza economica dell’Egitto è una questione importante per quest’ultimo.

In uno scenario in cui l’Egitto sarà profondamente indebitato nei confronti della Cina, si creeranno conseguenze geopolitiche significative ed estese per la regione.

Ciò è motivo di grande preoccupazione per gli Stati Uniti, perché il mancato rispetto da parte dell’Egitto dei suoi obblighi nei confronti della Cina e, di conseguenza, l’acquisizione da parte della Cina di asset strategici in Egitto, sarà un disastro strategico per gli Stati Uniti.

Anche altri creditori dell’Egitto, come Germania, Francia e Arabia Saudita, non vogliono assistere ad un fallimento totale dell’economia egiziana, quindi anch’essi avranno un incentivo a mantenere l’economia egiziana fuori dall’acqua, anche se attraverso investimenti israeliani in la riabilitazione dell’intera popolazione di Gaza negli appartamenti esistenti in Egitto.

Per i paesi europei, e in particolare per quelli dell’Europa occidentale, il trasferimento dell’intera popolazione di Gaza in Egitto e la sua riabilitazione, riducendo significativamente il rischio di immigrazione clandestina nel loro territorio, rappresenta un enorme vantaggio. Si prevede che anche l’Arabia Saudita trarrà notevoli benefici da questa mossa perché l’evacuazione della Striscia di Gaza significa l’eliminazione di un importante alleato dell’Iran e un enorme contributo alla stabilità della regione, offrendo quindi la possibilità di promuovere la pace con Israele senza il costante ingerenza dell’opinione pubblica locale A causa dei continui e ripetuti scontri che accendono il fuoco dell’odio contro Israele.

Inoltre, ci sono paesi, come l’Arabia Saudita, che hanno bisogno di personale qualificato nell’edilizia, come gli abitanti di Gaza. L’Arabia Saudita sta costruendo grandi progetti e la città del futuro Naum, e questo potrebbe essere un incrocio di interessi anche a questo livello. Si può presumere che non pochi residenti di Gaza coglierebbero al volo l’opportunità di vivere in un paese ricco e avanzato piuttosto che continuare a vivere in povertà sotto il dominio di Hamas.

Questo accordo tra Egitto e Israele potrà essere raggiunto entro pochi giorni dall’inizio del flusso di immigrati da Gaza verso l’Egitto attraverso il valico di Rafah. Già oggi sono centinaia di migliaia gli abitanti di Gaza che desiderano lasciare la Striscia.

L’IDF deve creare le giuste condizioni affinché la popolazione di Gaza possa immigrare in Egitto, con la cooperazione egiziana dall’altra parte del confine (e per un ritorno adeguato). Inoltre, la chiusura della questione di Gaza garantirà un’offerta stabile e maggiore di forniture israeliane. gas all’Egitto e la sua liquefazione, nonché un maggiore controllo da parte delle compagnie egiziane sulle riserve di gas esistenti davanti alle coste di Gaza insieme al trasferimento della Gaza svuotata dei suoi abitanti allo Stato di Israele. la popolazione totale di Gaza, circa 2 milioni di abitanti, costituisce un totale inferiore. Non c’è dubbio che affinché questo piano possa realizzarsi devono coesistere molte condizioni contemporaneamente. Attualmente, questi termini stanno avendo luogo e non è chiaro quando tale opportunità si ripresenterà, se non del tutto.

Questo è il momento di agire. Ora.

Costo di reinsediamento per persona/famiglia in Egitto e costo totale per Israele come percentuale del PNL per l’anno fiscale 2023


Appendice B’

Costo medio per appartamento negli obiettivi di reinsediamento, suddiviso per dimensione dell’appartamento

Amir Weitman è un gestore degli investimenti e ricercatore in visita presso l’Istituto Meshgav per la sicurezza nazionale e la strategia sionista

PER SCARICARE IL PANO IN LINGUA EBRAICA CLICCA SULLA COPERTINA DEL PIANO ISRAELIANO QUI SOTTO

Articolo precedenteINAUGURATO ‘IL BECCO’ DELLA VAL BREMBANA
Prossimo articoloEigenmann & Veronelli inaugura il nuovo laboratorio applicativo di Gruppo per i settori Beauty & Personal Care e Paint & Coatings

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here