Il summit arabo-islamico ha adottato una risoluzione sull’aggressione israeliana contro il popolo palestinese rifiutandosi di giustificare la guerra di Gaza come autodifesa israeliana

"Mettiamo in guardia dal pericolo reale dell’espansione della guerra a causa del rifiuto di Israele di fermare la sua aggressione e dell’incapacità del Consiglio di Sicurezza di far rispettare il diritto internazionale per porre fine a questa aggressione." Ecco un passo del documento finale approvato dalla Lega Araba a Riyadh il 12 novembre 2023

0
543
Il summit straordinrio della Lega Araba a Riyadh - 12 novembre 2023

By Riccardo Cacelli
Londra – Al vertice straordinario arabo-islamico (in fondo a questa analisi il testo integrale del documento finale) ospitato nella capitale Riyadh dell’Arabia Saudita inizialmente era prevista la partecipazione solo dei 22 membri della Lega Araba, ma l’incontro è stato successivamente ampliato per includere l’Organizzazione per la Cooperazione Islamica (OIC), l’associazione fondata nel 1969 composta da 57 stati che rappresentano oltre 1.800.000.000 cittadini.

Momento storico e’ stata la presenza a Riyadh dopo 11 anni di interruzione dei rapporti bilaterali Iran/Arabia Saudita del Presidente iraniano, Ebrahim Raisi, che ha avuto un colloquio diretto con il principe ereditario dell’Arabia Saudita Mohammed bin Salman.


Nel suo discorso di apertura, il principe ereditario saudita  ha chiesto l’immediata cessazione delle operazioni militari a Gaza e il rilascio di tutti i prigionieri e ostaggi. “Questa è una catastrofe umanitaria che dimostra il fallimento della comunità internazionale e del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite nel porre fine alle gravi violazioni del diritto internazionale umanitario da parte di Israele, e dimostra il doppio standard adottato dal mondo – ha affermato Mohammed bin Salman – Siamo certi che l’unica causa di pace è la fine dell’occupazione israeliana e degli insediamenti illegali, il ripristino dei diritti consolidati del popolo palestinese e la creazione dello Stato nel 1967, con Gerusalemme Est come capitale”.

Il presidente turco Erdogan ha affermato che: “Israele si sta vendicando dei neonati, dei bambini e delle donne di Gaza, rinnovando il suo appello per un cessate il fuoco immediato. Ciò che è urgente a Gaza non sono pause di qualche ora, ma piuttosto un cessate il fuoco permanente. Non possiamo mettere i resistenti di Hamas che difendono la loro patria nella stessa categoria degli occupanti”.

Il presidente dell’Autorità palestinese Mahmoud Abbas ha sottolineato che oltre a Gaza, i raid delle forze israeliane sono aumentati anche nella Cisgiordania occupata e ha invitato gli Stati Uniti a porre fine “all’aggressione, all’occupazione, alla violazione e alla profanazione dei nostri luoghi santi da parte di Israele“.

Le soluzioni militari e di sicurezza non sono accettabili perché hanno tutte fallito. Rifiutiamo categoricamente qualsiasi tentativo di sfollare la nostra gente da Gaza o dalla Cisgiordania”, ha aggiunto Abbas.

L’emiro del Qatar, Sheikh Tamim bin Hamad Al Thani, si è chiesto: “Per quanto tempo la comunità internazionale tratterà Israele come se fosse al di sopra del diritto internazionale. Il mondo internazionale rimane immune da tutte queste scene. Chi avrebbe potuto immaginare che gli ospedali potessero essere bombardati pubblicamente nel 21° secolo?”.

Sono solo parole o seguiranno anche i fatti?
E’ difficile dirlo o prevedere, ma la straordinarieta’ del vertice, il considerevole e prestigioso numero dei partecipanti, e un comune senso di “ingiustizia internazionale verso il popolo palestinese” fanno pesumere che nelle prossime settimane ci sara’ una ulteriore (speriamo positiva) escalation diplomatica e forse anche economica.

I leader islamici stanno vedendo che il mondo, il cosiddetto “sud del mondo”, sta evolvendo ed in questo secolo indirizzandosi verso una filosofia sociale e politica multipolare in contrasto con l’unilateralismo occidentale.

Per loro Gaza non e’ solo una guerra, ma anche una linea sottile rossa che fa da confine tra un mondo novecentesco atlantista ed un mondo futuro multipolare.
E le parole dellEmiro del Qatar ne sono l’espressione di questo cambiamento.

Riccardo Cacelli
r.cacelli@cacelli.com

TESTO INTEGRALE IN LINGUA ITALIANA DEL
SUMMIT STRAORDINARIO DELLA LEGA ARABA
12 NOVEMBRE 2023

Noi, leader degli Stati e dei governi dell’Organizzazione per la Cooperazione Islamica (OIC) e della Lega degli Stati Arabi, abbiamo deciso di unire i due vertici che l’OIC e la Lega Araba avevano deciso di tenere.
Ciò è avvenuto in risposta ai gentili inviti del Regno dell’Arabia Saudita (che presiede i due vertici) e dello Stato di Palestina.
Esprimiamo la nostra posizione comune nel condannare la brutale aggressione israeliana contro il popolo palestinese nella Striscia di Gaza e in Cisgiordania, compreso Al-Quds Al-Sharif.
Affermiamo di affrontare insieme questa aggressione e la catastrofe umanitaria che provoca.
Cerchiamo di fermare e porre fine a tutte le pratiche illegali israeliane che perpetuano l’occupazione e privano il popolo palestinese dei suoi diritti, in particolare del diritto alla libertà e ad avere uno Stato sovrano indipendente su tutto il suo territorio nazionale.
Esprimiamo i nostri ringraziamenti al Custode delle Due Sacre Moschee, Re Salman bin Abdulaziz Al Saud, Re del Regno dell’Arabia Saudita, e a Sua Altezza Reale il Principe Mohammed bin Salman bin Abdulaziz Al Saud, Principe ereditario e Primo Ministro, per la loro gentile
ospitalità. Riaffermiamo tutte le risoluzioni dell’Organizzazione per la Cooperazione Islamica (OIC) e della Lega Araba riguardanti la causa palestinese e tutti i territori arabi occupati.

Ricordiamo tutte le risoluzioni delle Nazioni Unite e di altre organizzazioni internazionali riguardanti la causa palestinese, i crimini dell’occupazione israeliana e il diritto del popolo palestinese alla libertà e all’indipendenza in tutti i suoi territori, che sono stati occupati dal 1967 e costituiscono un’unica area geografica unità.

Accogliamo con favore la Risoluzione A/ES-10/L.25 dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite adottata dalla decima sessione di emergenza il 26 ottobre 2023.

Affermiamo la centralità della causa palestinese e la nostra posizione con tutti i nostri poteri e capacità al fianco del fraterno popolo palestinese nella sua legittima lotta per liberare tutti i territori occupati e per soddisfare tutti i suoi diritti inalienabili.
Ciò include in particolare il loro diritto all’autodeterminazione e a vivere nel loro stato indipendente e sovrano ai confini del 4 giugno 1967 con Al-Quds Al-Sharif come capitale.

Riaffermiamo che una pace giusta, duratura e globale, che è un’opzione strategica, è l’unico modo per garantire sicurezza e stabilità per tutti i popoli della regione e proteggerli da cicli di violenza e guerre.

Ciò, sottolineiamo, non sarà possibile senza la fine dell’occupazione israeliana e la risoluzione della causa palestinese sulla base della soluzione dei due Stati.

Affermiamo che è impossibile raggiungere la pace regionale trascurando la causa palestinese o tentando di ignorare i diritti del popolo palestinese.
Sottolineiamo che l’Iniziativa Araba di Pace, sostenuta dall’Organizzazione per la Cooperazione Islamica, costituisce un riferimento essenziale a tal fine.
Riteniamo che Israele, la forza occupante, sia responsabile della continuazione e dell’aggravamento del conflitto, che è il risultato della violazione dei diritti del popolo palestinese e dei principi sacri islamici e cristiani. Questo è anche il risultato delle sue politiche e pratiche aggressive sistematiche, dei suoi passi unilaterali illegali che perpetuano l’occupazione, violano il diritto internazionale e impediscono la realizzazione di una pace giusta e globale.

Affermiamo che Israele, e tutti i paesi della regione, non godranno di sicurezza e pace finché i palestinesi non godranno dei loro diritti e non riconquisteranno tutti i loro diritti rubati. Sottolineiamo che la continuazione dell’occupazione israeliana costituisce una minaccia alla sicurezza e alla stabilità della regione e alla sicurezza e alla pace internazionali.

Condanniamo ogni forma di odio e discriminazione e tutti gli atti che perpetuano l’odio e l’estremismo.

Mettiamo in guardia dalle disastrose ripercussioni dell’aggressione di ritorsione da parte di Israele contro la Striscia di Gaza, che costituisce un crimine di guerra, e dai crimini barbarici commessi anche in Cisgiordania e ad Al-Quds Al-Sharif.

Mettiamo in guardia dal pericolo reale dell’espansione della guerra a causa del rifiuto di Israele di fermare la sua aggressione e dell’incapacità del Consiglio di Sicurezza di far rispettare il diritto internazionale per porre fine a questa aggressione.

Decidiamo di:

  • Condannare l’aggressione israeliana contro la Striscia di Gaza e i crimini di guerra nonché i massacri barbari, inumani e brutali commessi dal governo di occupazione coloniale contro la Striscia e il popolo palestinese nella Cisgiordania occupata, compresa East Al-Quds.
  • Chiediamo la cessazione immediata di questa aggressione.
  • Rifiuta di descrivere questa guerra di ritorsione come legittima difesa o di giustificarla con qualsiasi pretesto.
  • Rompere l’assedio di Gaza e imporre l’ingresso immediato nella Striscia di Gaza di convogli di aiuti umanitari arabi, islamici e internazionali, compresi cibo, medicine e carburante.
  • Chiediamo alle organizzazioni internazionali di partecipare a questo processo, sottolineando la necessità del loro ingresso nella Striscia e della protezione delle loro squadre per consentire loro di svolgere pienamente il loro ruolo.
  • Affermiamo la necessità di sostenere l’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e il lavoro a favore dei rifugiati palestinesi (UNRWA). Sostenere tutte le misure adottate dalla Repubblica Araba d’Egitto per affrontare le conseguenze della brutale aggressione israeliana a Gaza.
  • Sosteniamo i suoi sforzi per portare aiuti nella Striscia in modo immediato, sostenibile e adeguato. Invitare il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite a prendere una decisione decisiva e vincolante che imponga la cessazione dell’aggressione e freni l’autorità di occupazione coloniale che viola il diritto internazionale, il diritto internazionale umanitario e le risoluzioni sulla legittimità internazionale, l’ultima delle quali è la Risoluzione n. A/ES-10/L.25 del 26/10/2023.
  • L’inazione è considerata una complicità che consente a Israele di continuare la sua brutale aggressione che uccide persone innocenti, bambini, anziani e donne e trasforma Gaza in rovina.
  • Invitiamo tutti i paesi a smettere di esportare alle autorità di occupazione armi e munizioni che vengono utilizzate dal loro esercito e dai coloni terroristi per uccidere il popolo palestinese e distruggere le loro case, ospedali, scuole, moschee, chiese e tutte le loro capacità.
  • Chiediamo al Consiglio di Sicurezza di approvare tempestivamente una risoluzione che condanni la barbara distruzione degli ospedali nella Striscia di Gaza da parte di Israele, l’ostruzione di medicinali, cibo e carburante e l’interruzione di servizi cruciali come elettricità, acqua, comunicazioni e accesso a Internet. Questi atti di punizione collettiva equivalgono a crimini di guerra secondo il diritto internazionale. Sottolineiamo la necessità di imporre questa risoluzione a Israele, la potenza occupante, per garantire il rispetto delle leggi internazionali e per cessare immediatamente queste misure barbare e disumane.
  • Sottolineiamo la necessità di eliminare il blocco che Israele impone da anni alla Striscia di Gaza. Invitiamo il Procuratore della Corte Penale Internazionale a completare le indagini sui crimini di guerra e contro l’umanità commessi da Israele contro il popolo palestinese in tutti i territori palestinesi occupati, compreso East Al-Quds.
  • Incarichiamo i Segretariati Generali dell’OIC e della Lega Araba di seguire l’attuazione di questa indagine e di istituire due unità specializzate di monitoraggio legale per documentare i crimini israeliani commessi nella Striscia di Gaza dal 7 ottobre 2023. Le unità prepareranno quindi i procedimenti legali su tutte le violazioni del diritto internazionale e del diritto internazionale umanitario commesse da Israele, la potenza occupante, contro il popolo palestinese nella Striscia di Gaza e nel resto dei territori palestinesi occupati, compreso East Al-Quds. Ciascuna unità presenterà il proprio rapporto 15 giorni dopo la sua formazione per presentarlo al Consiglio della Lega Araba a livello dei ministri degli Esteri e al Consiglio dei Ministri degli Esteri dell’OIC. Successivamente dovranno essere presentate relazioni mensili.
  • Sostenere iniziative legali e politiche affinché lo Stato di Palestina ritenga le autorità di occupazione israeliane responsabili dei loro crimini contro il popolo palestinese, compreso il processo di parere consultivo presso la Corte internazionale di giustizia, e consentire al comitato investigativo istituito dalla risoluzione del Consiglio per i diritti umani di indagare questi crimini senza ostacoli.
  • Incaricare i due segretariati di istituire due unità di monitoraggio dei media per documentare tutti i crimini commessi dalle autorità occupanti contro il popolo palestinese, insieme alle piattaforme dei media digitali per pubblicare e denunciare le loro pratiche illegittime e disumane.
  • Assegnare al Ministro degli Esteri del Regno dell’Arabia Saudita, nella sua veste di presidenza del 32° Vertice arabo e islamico, insieme alle controparti di Giordania, Egitto, Qatar, Turchia, Indonesia, Nigeria e Palestina, e di tutti gli altri paesi interessati, e il Segretario generale di entrambe le organizzazioni ad avviare un’immediata azione internazionale a nome di tutti gli stati membri dell’OIC e della Lega araba per formulare una mossa internazionale per fermare la guerra a Gaza e per fare pressione affinché un processo politico reale e serio raggiunga il raggiungimento permanente e una pace globale in conformità con i riferimenti internazionali stabiliti.
  • Invitare gli Stati membri dell’OIC e della Lega Araba a esercitare pressioni diplomatiche, politiche e legali e a intraprendere qualsiasi azione deterrente per fermare i crimini commessi dalle autorità di occupazione coloniale contro l’umanità.
  • Condannare i doppi standard nell’applicazione del diritto internazionale.
  • Avvertono che questa dualità mina seriamente sia la credibilità dei paesi che proteggono Israele dal diritto internazionale e lo pongono al di sopra della legge, sia la credibilità dell’azione multilaterale, mettendo in luce la selettività nell’applicazione del sistema dei valori umanitari; e sottolineano che le posizioni dei paesi arabi e islamici saranno influenzate da tali doppi standard che porteranno a una spaccatura tra civiltà e culture.
  • Condanniamo lo sfollamento di quasi un milione e mezzo di palestinesi dalle aree settentrionali a quelle meridionali della Striscia di Gaza come crimine di guerra ai sensi della Quarta Convenzione di Ginevra del 1949 e del relativo Protocollo del 1977; invitare le parti della Convenzione a denunciare e respingere collettivamente questa azione; invitare tutte le organizzazioni delle Nazioni Unite ad affrontare il tentativo delle autorità di occupazione coloniale di perpetuare questa miserabile realtà disumana; e sottolineare l’immediata necessità del ritorno di questi sfollati alle loro case e regioni.
  • Rifiutare completamente e assolutamente, oltre ad opporsi collettivamente, qualsiasi tentativo di spostamento forzato, deportazione o esilio, individuale o di massa, del popolo palestinese sia all’interno della Striscia di Gaza, in Cisgiordania, inclusa Al-Quds (Gerusalemme), o al di fuori dei suoi territori verso qualsiasi destinazione, considerandola una linea rossa e un crimine di guerra.
  • Condannare l’uccisione e il prendere di mira i civili, come posizione di principio basata sui nostri valori umanitari e in linea con il diritto internazionale e i principi umanitari, e sottolineare i passi immediati e rapidi che la comunità internazionale deve intraprendere per cessare l’uccisione e il prendere di mira i civili palestinesi, in un modo che confermi l’assoluta equivalenza di ogni singola vita, rifiutando ogni discriminazione basata sulla nazionalità, sulla razza o sulla religione.
  • Sottolineare la necessità di rilasciare tutti i prigionieri e i civili; condannare gli atroci crimini commessi dalle autorità di occupazione coloniale contro migliaia di prigionieri palestinesi; e invitare tutte le nazioni interessate e le organizzazioni internazionali a fare pressione per la cessazione di questi crimini e il perseguimento dei responsabili.
  • Fermare gli omicidi delle forze di occupazione, il terrorismo e i crimini dei coloni nei villaggi, nelle città e nei campi profughi palestinesi della Cisgiordania occupata e tutti gli assalti alla Moschea di Al Aqsa e a tutti i luoghi sacri islamici e cristiani.
  • Sottolineare la necessità di Israele di adempiere ai propri obblighi come potenza occupante ponendo fine a tutte le azioni illegali che perpetuano l’occupazione, in particolare la costruzione e l’espansione degli insediamenti, la confisca delle terre e lo sfollamento forzato dei palestinesi dalle loro case.
  • Condanniamo le operazioni militari lanciate dalle forze di occupazione contro le città e i campi palestinesi; denunciare il terrorismo dei coloni; ed esortare la comunità internazionale a inserire questi gruppi e organizzazioni nelle liste del terrorismo globale, in modo che il popolo palestinese possa godere di tutti i diritti concessi ad altre nazioni, compresi i diritti umani, il diritto alla sicurezza, all’autodeterminazione, alla realizzazione dell’indipendenza del proprio Stato sulla loro terra e la fornitura di protezione internazionale per loro.
  • Condanniamo gli assalti israeliani ai luoghi santi islamici e cristiani di Gerusalemme e le misure illegittime israeliane che violano la libertà di culto; sottolineare l’importanza di rispettare lo status quo giuridico e storico esistente nei luoghi santi; sottolineare che la Moschea di Al Aqsa/Al Haram Al Sharif, con i suoi 144.000 metri quadrati, è un luogo di culto esclusivamente per musulmani, con l’Awqaf giordano e il Dipartimento per gli affari della Moschea di Al-Aqsa che sono l’unica autorità legittima esclusiva responsabile della gestione, mantenere e regolamentare l’accesso alla Moschea di Al Aqsa, nel quadro della storica custodia hashemita dei luoghi santi islamici e cristiani di Gerusalemme; e sostenere il ruolo del Comitato Al-Quds e i suoi sforzi nell’affrontare le pratiche delle autorità di occupazione israeliane nella Città Santa.
  • Condanniamo i discorsi di odio estremista e razzista e le azioni dei ministri del governo di occupazione israeliano, inclusa la minaccia di un ministro di usare armi nucleari contro il popolo palestinese a Gaza, e considerandoli una seria minaccia alla pace e alla sicurezza internazionali, rendendo necessario il sostegno alla conferenza mirata alla creazione di una zona priva di armi nucleari e all’eliminazione di tutte le altre armi di distruzione di massa in Medio Oriente, condotta nel quadro delle Nazioni Unite e dei suoi obiettivi per affrontare questa minaccia.
  • Condanniamo l’uccisione di giornalisti, bambini e donne, la presa di mira di medici e l’uso del fosforo bianco vietato a livello internazionale negli attacchi israeliani alla Striscia di Gaza e al Libano; denunciare le ripetute dichiarazioni e minacce israeliane di riportare il Libano all'”età della pietra”; sottolineare l’importanza di prevenire l’espansione del conflitto; e invitare l’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche a indagare sull’uso di armi chimiche da parte di Israele.
  • Sottolineare che l’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP) è l’unico legittimo rappresentante del popolo palestinese e invitare tutte le fazioni e i partiti palestinesi a unirsi sotto il suo ombrello e ad assumersi le proprie responsabilità nell’ambito di un partenariato nazionale guidato dall’OLP.
  • Sottolineare l’impegno per la pace come scelta strategica, volta a porre fine all’occupazione israeliana e risolvere il conflitto arabo-israeliano in conformità con il diritto internazionale e le pertinenti decisioni legittime, comprese le risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite 242 (1967), 338 (1973), 497 (1981) , 1515 (2003) e 2334 (2016); sottolineando l’adesione all’Iniziativa di Pace Araba del 2002 nella sua interezza e nelle sue priorità come consenso arabo unificato e fondamento per qualsiasi sforzo di rivitalizzazione della pace in Medio Oriente. La precondizione per la pace con Israele e l’instaurazione di relazioni normali risiede nella fine dell’occupazione di tutti i territori palestinesi e arabi.
  • Comprende anche la creazione di uno stato palestinese indipendente e pienamente sovrano basato sui confini del 4 giugno 1967, con Gerusalemme Est come capitale, ripristinando i diritti inalienabili del popolo palestinese, compreso il diritto all’autodeterminazione, al ritorno e al risarcimento per i palestinesi. rifugiati, risolvendo la loro questione giustamente secondo la Risoluzione 194 dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite del 1948.
  • Sottolineare la necessità immediata che la comunità internazionale avvii un serio processo di pace per stabilire una soluzione a due Stati che soddisfi tutti i diritti legittimi del popolo palestinese, in particolare il diritto di realizzare uno Stato indipendente e sovrano lungo i confini del 4 giugno 1967, con Gerusalemme Est come capitale per garantire sicurezza e pace al fianco di Israele, allineandosi alla legittimità internazionale e al quadro completo dell’Iniziativa di pace araba.
  • Sottolineare che il fallimento nel risolvere la causa palestinese per più di 75 anni, la mancanza di risposta ai crimini dell’occupazione coloniale israeliana, le sue politiche deliberate che minano la soluzione dei due Stati attraverso la costruzione e l’espansione degli insediamenti, insieme al sostegno incondizionato a Israele e alla sua protezione da responsabilità, così come ignorare i continui avvertimenti sui pericoli derivanti dall’ignorare questi crimini e le loro gravi implicazioni sulla sicurezza e la pace internazionali, ha portato a un grave deterioramento della situazione.
  • Rifiutare qualsiasi proposta che perpetui la separazione di Gaza dalla Cisgiordania, inclusa Gerusalemme Est, e sottolineare che qualsiasi approccio futuro a Gaza deve rientrare nel quadro del lavoro verso una soluzione globale che garantisca l’unità di Gaza e della Cisgiordania come parte del Stato palestinese, che deve materializzarsi come entità libera, indipendente e sovrana con capitale a Gerusalemme Est, ai confini del 4 giugno 1967.
  • Invito a convocare quanto prima una conferenza internazionale di pace, attraverso la quale sarà avviato un processo di pace credibile basato sul diritto internazionale, su risoluzioni legittime e sul principio “terra in cambio di pace”, entro un periodo di tempo definito e garanzie internazionali, che porti infine alla fine dell’occupazione israeliana dei territori palestinesi dal 1967, tra cui Gerusalemme Est, le alture di Golan siriane occupate, le fattorie di Shebaa, le colline di Kfar Shuba e la periferia del villaggio libanese di al-Mari, e l’attuazione di un sistema a due Stati soluzione.
  • Attivare la rete di sicurezza finanziaria araba e islamica in linea con le decisioni della quattordicesima sessione della Conferenza del vertice islamico e le risoluzioni del vertice arabo, per fornire contributi finanziari e sostegno – economico, finanziario e umanitario – al governo dello Stato di Palestina e l’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione dei rifugiati palestinesi nel Vicino Oriente (UNRWA).
  • Sottolineare la necessità di mobilitare i partner internazionali per ricostruire Gaza e alleviare la distruzione globale causata dall’aggressione israeliana immediatamente dopo la sua cessazione. Incaricare sia il Segretario generale della Lega Araba che dell’OIC di supervisionare da vicino l’attuazione della risoluzione e di presentare un rapporto al riguardo nelle prossime sessioni dei rispettivi consigli.

 

Articolo precedenteDebutto nazionale della tragicommedia Acqua alle Fonderie Limone
Prossimo articoloAnniversario della strage di Nassiriya
Business Advisor in Advanced Air Mobility and Urban Air Mobility, Unconvetional Marketing, Blue Ocean Strategy www.cacelli.com r.cacelli@cacelli.com

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here