Berlusconi, “Bisogna allontanare la paura”. Poi attacca la Magistratura e Parlamento

0
250

berlusconi1
Ha innescato un mare di polemiche il discorso di Berlusconi all’assemblea di Confindustria.
Il primo intervento è stato quello della Finocchiaro, poi a seguire quello di Fini e dell’Anm.
Ma cosa ha detto Berlusconi?
“C’è chi canta ancora la canzone del pessimismo e del catastrofismo mentre per fronteggiare la crisi la strada virtuosa è quella di allontanare la paura infondendo un sentimento di fiducia e speranza. E’ la terapia del premier Berlusconi conytro la crisi e la spiega in occasione dell’assemblea di Confindustria per ribadire che l’Italia è in una condizione migliore rispetto agli altri Paesi industrializzati.
“Abbiamo un sistema bancario solido e non intaccato dai derivati e dai titoli tossici, e bisogna – ha detto Berlusconi – come fanno le imprese, da un male trarne un bene”.
Poi affondo sulla magistratura. “Ci batteremo perché nella magistratura non vi siano più questi partiti. Metterò – ha continuato Berlusconi – tutto il mio impegno nella riforma della giustizia penale -spiegaperché fin quando non avremo diviso l’ordine dei magistrati da quello dei giudici, nessun cittadino potrà essere sicuro di avere un giusto processo. Sono esacerbato e indignato. Se certe cose capitano ai cittadini normali possono rovinare tante vite”.
“La legislazione va cambiata, perché – ha detto Berlusconi – il presidente del Consiglio non ha nessun potere, tutti i poteri ce li ha il Parlamento, che però è pletorico.Bastano cento deputati. C’è bisogno di un disegno di legge di iniziativa popolare”.
L’intervento di Berlusconi è stato caratterizzato all’inizio con una nota “glamour”. Ha parlato della Marcegaglia: “Era in gran forma, elegante, tutta vaporosa perche’ aveva una cena, sembrava che volasse sui tappeti di Palazzo Chigi”. Ed ha proseguito: ”Ieri sera la presidente di Confindustria e’ venuta a trovarmi a Palazzo Chigi e un commesso mi ha detto: ‘C’è di la’ una velina”.

Lascia un commento