L’esplosione commerciale di Goldman Sachs

0
647

L’ultima volta che Goldman Sachs ha registrato un rendimento del capitale proprio superiore al 30%, nell’ultimo trimestre del 2009, il mondo sembrava molto diverso. In questi giorni le banche sono più sicure e gli Stati Uniti sono sull’orlo di una ripresa post-pandemia piuttosto che di una recessione post-crisi. Ciò che rimane invariato è che tali guadagni inaspettati tendono ad essere fugaci.

Lo scoppio del primo quarto di Goldman è stato ancora più grande del previsto. La sua attività sui mercati globali, che include la negoziazione di titoli, ha generato entrate per 7,6 miliardi di dollari, oltre il 50% in più rispetto alle previsioni degli analisti intervistati da Refinitiv. Il reddito da sottoscrizione di azioni è stato un record di $ 1,6 miliardi. È stata una storia simile per JPMorgan, dove il reddito da emissione di azioni e obbligazioni è aumentato del 64% e il reddito da negoziazione è aumentato del 25%.

Il rendimento annualizzato del patrimonio netto di Goldman del 31% è tanto più notevole perché il denominatore è molto più grande. Nel 2009, Goldman aveva circa 64 miliardi di dollari di capitale proprio, contro gli attuali 88 miliardi di dollari. Le autorità di regolamentazione si sono assicurate che le banche siano meglio equipaggiate e più in grado di far fronte a rischi come il crollo dell’hedge fund Archegos Capital Management, a cui Goldman sembra essere sfuggito senza un graffio.

Tuttavia, è probabile che i guadagni fuori misura siano transitori come lo erano nel 2009. I dirigenti non fingono il contrario. Il presidente e amministratore delegato di Goldman, David Solomon, ha cercato di rafforzare attività più stabili come la raccolta di depositi e il prestito. Le parti più volatili dell’attività di Goldman – trading e investimenti nel proprio bilancio – hanno portato il 55% dei ricavi nel primo trimestre, la quota più alta in otto anni.

Il problema è che le linee di business più prosaiche sono state disattivate in questo momento. JPMorgan ha ricavato dal trading e dalla sottoscrizione tanto reddito quanto dalla sua colossale banca dei consumatori. I prestiti totali presso l’azienda gestita da Jamie Dimon sono diminuiti del 4% su base annua.

Il prestito a Wells Fargo, che mercoledì ha riportato anche i risultati del primo trimestre, è sceso del 15%. Questo spiega perché gli investitori non sono troppo entusiasti. Alla fine del 2009, Goldman Sachs ha scambiato a circa 1,3 volte il suo valore contabile stimato per i prossimi 12 mesi, più o meno lo stesso di adesso. Il multiplo di JPMorgan è raddoppiato nello stesso periodo. I boom del trading sono ottimi finché durano, ma l’esperienza ha insegnato che generalmente non lo sono.

Articolo precedentePerchè Erdogan è un dittatore
Prossimo articoloAccordo tra la famiglia Agnelli e Peugeot alla vigilia dell’assemblea generale delle case automobilistiche

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here