Vini, Il Consorzio Terre di Cosenza dop coinvolge anche gli Istituti alberghieri

0
311

“Il vino nelle terre di Cosenza: dalla filiera al territorio”: è questo il titolo scelto per la giornata di lunedì 17 aprile. Dalle 15 alle 20 nelle splendide sale del Castello Svevo Cosenza, si svolgerà l’incontro organizzato dal Consorzio Terre di Cosenza Dop per far conoscere a fondo alcune delle numerose caratteristiche dei vini Terre di Cosenza di Origine Protetta. Oltre ai banchi d’assaggio per la degustazione dei vini sarà presente un banco per la degustazione di Olio di Calabria Igp. Due Masterclass sul futuro dei bianchi di Cosenza e sul terroir del Magliocco Dolce precederanno il Talk che prevede la presenza del Presidente del Consorzio Terre di Cosenza Dop Demetrio Stancati, del Presidente del Consorzio Tutela e Valorizzazione delle Viti e del Vino DOC Bivongi Adele Anna Lavorata, del Presidente dell’Accademia del Magliocco Maurizio Rodighiero e dell’Assessore all’Agricoltura di Regione Calabria Gianluca Gallo.

La partecipazione all’evento, a numero chiuso e su prenotazione, è riservata a sommeliers, operatori ho.re.ca. e giornalisti. A questa prima iniziativa, mirata a stimolare alleanze e partenariati in un’azione di sistema che potrà fare arricchire l’offerta turistica della provincia cosentina con esperienze enogastronomiche qualificate e integrate, seguiranno altre due importanti azioni.

Nei mesi di aprile e maggio prossimi attraverso visite in azienda, workshop formativi specifici, degustazioni, incontri e confronti, 30 persone selezionate tra operatori della comunicazione e tour operator, guidati da due giornalisti leader della stampa specializzata nazionale, conosceranno da vicino, in modo approfondito e mirato, le produzioni e i territori del Terre di Cosenza DOP, per farne un racconto coerente e autentico destinato ai viaggiatori ed enoturisti che saranno così stimolati a visitare la nostra terra e ad apprezzare i nostri cibi e vini e che troveranno, grazie all’azione di sistema svolta, operatori enogastronomici pronto ad accoglierli.

Inoltre è stata stretta un’alleanza anche con gli Istituti Alberghieri, istituzioni primarie di formazione per l’accoglienza enogastronomica: agli istituti alberghieri di Praia a Mare, Castrovillari, Paola, Trebisacce, Rende, Cosenza, San Giovanni in Fiore, Soverato, Tropea, Vibo Valentia, Polistena che già hanno ospitato le azioni formative rivolte agli operatori ho.re.ca, mettendo a disposizione le loro strutture e facendo partecipare attivamente all’accoglienza gli studenti (che hanno preparato e servito a tavola deliziosi piatti territoriali) saranno destinati minicorsi mirati a dare nozioni di base sui territori, accoglienza enoturistica e nuovi lavori nel mondo del vino.

Articolo precedenteAiutarli a casa loro? Più sviluppo e meno migrazioni per superare la retorica
Prossimo articoloPRESIDENTE KOSOVO CHIUDE MISSIONE A S.GIORGIO A.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here