Sgomberi Bologna, 10 poliziotti feriti, uno trasportato in ambulanza

0
301

“Ennesima giornata di guerriglia, oggi, per donne e uomini della Polizia di Stato. L’aggressione avvenuta in occasione dello sgombero di un edificio a Bologna ha causato il ferimento di oltre dieci colleghi, dei quali uno molto serio ai danni del dirigente della Digos soccorso in ambulanza. E non si parli di proteste o manifestazione del dissenso, si tratta di violenza pura, lanciare un cassonetto addosso a un poliziotto, colpirlo a calci e pugni, scagliare pietre e qualsiasi altra cosa è un reato. Deve essere chiamato con il suo nome, è un reato grave e come tale va perseguito. Servire il Paese non può voler dire solo portare un bersaglio addosso, e i poliziotti sono esausti e stufi. E’ una continua ecatombe, ogni servizio di chi scende in strada si rivela una trappola in cui nella migliore delle ipotesi si subiscono offese, insulti, sputi, lanci di vernice o di cibo, ma quasi sempre anche botte, sprangate e bastonate, lanci di oggetti di ogni genere quando non di bombe, e chi più ne ha più ne metta. E’ una quotidianità insopportabile e sarebbe ora che ci fosse una risposta adeguata a questa vergogna”.
Così Valter Mazzetti, Segretario generale Fsp Polizia di Stato, dopo che oggi a Bologna, in occasione dello sgombro di due palazzine occupate, si è registrata la violenta reazione di appartenenti a centri sociali durante il servizio che ha riguardato, in particolare, un immobile in via di Corticella, mentre l’altro sgombero è avvenuto in zona universitaria. Tra i manifestanti gli attivisti dei centri sociali Cua e Plat, cui poi si sono aggiunti anche diversi studenti dell’Istituto tecnico Aldini Valeriani, che hanno lanciato addosso ai poliziotti cassonetti dell’immondizia, pietre ed ogni altro tipo di oggetto disponibile, ferendo diversi poliziotti, otto del Reparto mobile e alcuni della Digos, fra i quali proprio il dirigente che è stato soccorso in ambulanza e portato in ospedale dove, fra l’altro, gli è stato riscontrato un serio trauma cranico.
“L’ennesima ondata di violenza – insorge Gianni Pollastri, Segretario nazionale Fsp -, che oggi ha visto il dato altamente negativo del coinvolgimento di studenti di un Istituto tecnico molti dei quali minorenni, per giustificare abusi e prevaricazioni che sono chiare e indiscutibili violazioni della legalità, e che si vorrebbero nascondere dietro al diritto delle fasce più disagiate della società di ottenere un’abitazione. Ma aggredire i poliziotti che svolgono solo il proprio lavoro è e resta solo un reato gravissimo, e non c’è scusa che possa tenere”.

Articolo precedenteROME PARADE: il 1° gennaio un itinerario più esteso per le 30 formazioni in sfilata nella Capitale
Prossimo articoloTUTELA DELLA SALUTE: UN DIRITTO E UN IMPEGNO

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here