CROSIA, BANDA PUCCINI, STORIA BELLA ED INATTACCABILE

0
204

A distanza di quattordici anni la Banda Musicale Giacomo Puccini Città di Crosia resta una istituzione che continua a rappresentare un riferimento culturale e di formazione per le nuove generazioni di questa terra e per quanti credono nel valore anche pedagogico della musica. – È quanto dichiara il direttore dell’Istituto Musicale Donizetti, Giuseppe Greco esprimendo soddisfazione per il numero crescente di adesioni che la Banda sta facendo registrare in questo sorprendente avvio di anno.
Sono, infatti, diverse e numerose – continua – le richieste di informazioni e di partecipazione che stiamo ricevendo dopo lo straordinario successo di qualità, di pubblico, di entusiasmo e di bellezza che ha accompagnato, tra appalusi, riconoscimenti e soprattutto incoraggiamenti a proseguire con la stessa visione, l’applauditissimo concerto dell’Orchestra Sinfonica Brutia, nei giorni scorsi.
Proprio in quella occasione, per tutti noi emozionante – sottolinea il direttore – abbiamo consegnato le nostre divise a 10 nuovi giovani ingressi in squadra del 2024. E soltanto l’iscrizione alla Banda Musicale Puccini, nuova o confermata per quanti ad oggi non risultano più membri del sodalizio, garantirà quella continuità gratuita nell’uso degli strumenti e delle divise acquistate dall’Istituto Donizetti e messe sempre a disposizione in comodato d’uso in questi 14 anni, per tutti, anche per quanti – ribadisce Greco – nel corso del tempo hanno legittimamente e liberamente deciso di percorrere altre strade. Ed è anche e soprattutto questo – scandisce – uno di quei valori aggiunti, sentimentali e culturali, che abbiamo voluto e saputo trasmettere a quanti sono stati a vario titolo co-protagonisti di questo laboratorio divenuto una istituzione stimata ed apprezzata e che in tutti questi anni – tiene a ribadire Greco – non ha mai conosciuto alcun cambio ufficiale di nome.
Del resto – aggiunge il direttore – proprio come una qualsiasi squadra di calcio che cambia allenatori mantiene il proprio nome, che è sintesi e prospettiva della sua identità e della sua storia incancellabile, allo stesso modo la Banda Puccini sin dalla sua costituzione con Statuto depositato nel 2010 non ha mai cambiato nome (tra l’altro registrato!) nonostante siano cambiati i maestri o nonostante i suoi giovani protagonisti dell’epoca abbiano intrapreso altre strade e carriere. La storia non si cambia. Se ne prende atto e si va avanti in assoluta serenità.
In questi abbiamo investito, con abnegazione e sacrifici anche personali ed aziendali, impegno e risorse ingenti, umane ed economiche per garantire non solo la sopravvivenza ma i risultati e la proposta didattica ed artistica di qualità che ha segnato indiscutibilmente la storia di questa avventura che appartiene ormai a tutti. Ed è in questo percorso storico trasparente, riconoscibile, documentato ed inattaccabile e che – chiarisce – d’ora in avanti difenderemo in tutte le sedi competenti da ogni goffo tentativo revisionista che si inserisce anche la citazione della Puccini Città di Crosia nel libro ufficiale delle bande Puccini d’Italia; un risultato del quale, assieme a tanti altri conquistati in questi anni, restiamo grati a tutti e segnatamente al nostro presidente onorario Antonella Barbarossa, con la quale abbiamo partecipato e vinto a premi prestigiosi come il Premio delle Bande a Laino Borgo.

Articolo precedenteLa Tombolata di Beneficenza ha aperto il 2024 del Rotary Club Cosenza Sette Colli
Prossimo articoloColdiretti Calabria: sventare le frodi nell’olio d’oliva significa salvaguardare produzione e reddito degli agricoltori

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here