Pandemia Sars Covid 19, un contributo dalla Liguria

0
1514


Genova – Si è appena svolta una Conferenza con la presenza di grandi studiosi medici in Liguria, al fine di evidenziare la valutazione dei risultati raggiunti nella ricerca e nella terapia per il Sars Covid 19.

Tra i Medici e Scienziati relatori presenziavano : il Prof Izzotti (organizzatore del Congresso per l’Università), i Prof. Bonsignore, Ruggieri, Uccelli, Bassetti, Icardi e altri, in piena sintonia di ricerca nei differenti settori di studio.

E’ risultato che il Policlinico S.Martino di Genova sia uno dei maggiori ospedali in Europa e che in questo periodo abbia prodotto 250 pubblicazioni, riprese anche da riviste internazionali, contribuendo al 60% alla ricerca per la profilassi della pandemia attuale.

Si è attuato un vero modello virtuoso in sinergia, tra Regione Liguria, Sistema Sanitario Regionale e Agenzia per l’Ambiente, che, con riflessioni e analisi continue nel percorso pandemico,ha permesso di capire le cause dei casi gravi

Il Covid 19 ha rappresentato “l’ignoto”un virus sconosciuto che ha portato la convergenza e la simbiosi di molti ricercatori.

La Liguria è risultata prima in Europa e quarta nel mondo per i risultati degli studi effettuati ,accanto alle ricerche di Hong Kong, Seul e Milano.

Ospedale San Martino – Genova

L’Ospedale S. Martino è riuscito,unico,a presentare un protocollo Sars Covid 19 completo :base per affrontare nuove possibili epidemie, cercando di arginare in prevenzione,possibili diffusioni di malattie .
L’Evoluzione pandemica è stata studiata a fondo ,con l’unione dei vari ricercatori , nel suo svolgimento,analizzando l’effetto delle cure ,l’apparire delle sue varianti e il risultato del vaccino .

Il virus si presentava in ogni parte e su alcune superfici poteva perdurare lungo tempo. Gli  Studi approfonditi e continui cercavano di bloccare la penetrazione nell’interno della cellula (del virione). Si è consolidata la ricerca ambientale relativa ai controlli specifici su campioni in aria, superfici e acqua. Il tutto con precauzioni con uso di strumenti di protezione e immunoprofilassi specifica ,atti a bloccare il virus.

Riguardo la terapia è emerso essenziale il tempo di intervento (non usata i soggetto asintomatico) e il controllo delle varie fasi nello svolgersi della patologia.

Molte le osservazioni sui pazienti ,come esempio i maggiori problemi con elevato valore di interlukina 6 o patologie pregresse.

L’uso dei monoclonali è stato providenziale adottandolo nelle prime manifestazioni della malattia

La pandemia ha insegnato a lavorare i multidisciplinarietà .
I dispositivi di protezione ambientale completa e la protezione collettiva sono stati e sono attualmente importantissimi.
l’uso dell’ozono per via orale ha dimostrato un potente effetto antiossidante al fine dell’uccisione del virus,che risulta molto sensibile all’ossidazione,riuscendo a bloccare anche una possibile tromboembolia.

Anche nelle acque reflue,monitorate dagli specifici  Tecnici Regionali  e Universitari, il virus Sars Covid si è presentato ed è stato combattuto con antiossidanti specifici contro la spike del virus.

Luisa Costa

Articolo precedenteColdiretti Calabria: situazione drammatica delle aziende agricole
Prossimo articoloPer il Parlamento Ucraino Putin prepara un attacco terroristico alla centrale nucleare di Chornobyl

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here