Maiorca, Valldemossa e Magaluf all’insegna di arte e divertimento (VIDEO)

0
1652
Ph. Stefano Scibilia (Chopin monument)

Storia Artistica di Valldemossa

Molti artisti hanno vissuto a Valldemossa, attratti dalla sua atmosfera accattivante. Tra questi va citato Fréderic Chopin; Chopin passò 3 mesi a Valldemossa con la sua partner George Sand (nome d’arte di Aurore Dupin). Il pianista compose qui i suoi Preludi ed altri pezzi, e George Sand scrisse ‘Un hiver à Majorque’ (Un inverno a Maiorca), grazie al quale si è guadagnata in modo definitivo l’antipatia del popolo maiorchino, che rimane viva malgrado siano passati oltre 150 anni. A Valldemossa si può visitare il Real Cartuja, un vecchio monastero di monaci dove Chopin e George Sand vissero durante l’inverno del 1838-1839. In questo museo ci sono souvenir della romantica coppia e pezzi d’arte interessanti dal XV al XVI secolo. Ogni Agosto a Valldemossa i visitatori possono unirsi agli abitanti del posto per celebrare il Chopin Festival, dove ogni anno sin dal 1930 si esibiscono molti musicisti famosi.

Porto di Valldemossa

A circa 6 km dalla città (tutti da percorrere attraverso un ecosistema naturalistico magico) si trova il Porto di Valldemossa, dove si ha l’occasione di assaggiare il pesce tipico del luogo e sopratutto di ammirare la perfetta unione tra mare e natura che il luogo riserva, grazie ad una vegetazione rigogliosa e le sue acque cristalline.

Magaluf

La vita diurna a Magaluf sull’isola di Maiorca è la conseguenza di quella notturna. La maggior parte dei giovani nottambuli dorme steso al sole per riprendersi. Qualcuno più energico può sfruttare l’ampia scelta di sport acquatici e c’è anche un parco a tema per chi proprio non si sappia accontentare. Magaluf e le sue ampie spiagge sabbiose come Mallorca Beach, Magaluf Beach e Palma Nova Beach sono prese d’assalto durante i mesi di giugno, luglio e agosto da giovani turisti che vengono chiamati dalla gente del posto ‘gambas’, ovvero gamberi. Il motivo è ovvio: pelli scottate e colorito rossastro.

Articolo precedente“Riprendiamoci il futuro. La rivoluzione verde parta da qui”, la preoccupazione “giusta” dei giovani dell’Isola d’Elba
Prossimo articoloGrecia, il lago fantasma

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here