Aperto il processo a Parigi per gli attacchi terroristici del 2015 presso la rivista “Charlie Hebdo”

0
296

Ha aperto a Parigi il processo a 14 sospetti accusati di coinvolgimento negli attacchi del 2015 alla rivista satirica Charlie Hebdo e al supermercato kosher Hyper Cacher. Il procedimento, che dovrebbe durare 49 giorni e registrato in diretta per “la cronaca storica”, è iniziato in piena sicurezza e rivivrà i tre giorni del gennaio 2015 durante i quali 17 persone sono state uccise e altre sono rimaste ferite.

Il tribunale ascolterà 144 testimoni, 14 periti e 200 parti interessate, principalmente amici e familiari delle vittime. Dopo che gli accusati – che sono comparsi in tribunale dietro uno schermo di vetro – hanno dato i loro nomi ed età, al tribunale è stato fornito un riepilogo dei fatti degli attacchi, tratto da un totale di 171 lunghi rapporti compilati dagli investigatori negli ultimi cinque anni. Mentre il presidente, Régis de Jorna, leggeva i nomi delle vittime, molti membri delle loro famiglie piangevano.

Gli attacchi sono iniziati il ​​7 gennaio 2015, quando i fratelli Saïd e Chérif Kouachi si sono scatenati negli uffici di Charlie Hebdo a Parigi, uccidendo nove giornalisti e fumettisti, un addetto alla manutenzione degli edifici e due agenti di polizia. L’8 gennaio, Amédy Coulibaly ha ucciso un agente di polizia e ferito gravemente uno spazzino.

Il giorno successivo, Coulibaly, che aveva giurato fedeltà allo Stato Islamico, ha preso d’assalto il supermercato Hyper Cacher, uccidendo quattro ebrei, prendendone in ostaggio altri. Tutti e tre gli uomini armati sono stati uccisi in sparatorie con la polizia. In seguito, milioni di persone sono scese in piazza sotto lo striscione #JeSuisCharlie in segno di solidarietà con le vittime degli attacchi.

Charlie Hebdo aveva fatto infuriare i musulmani di tutto il mondo stampando cartoni animati controversi del profeta Maometto. Qualsiasi suggerimento che i processati – di età compresa tra i 30 ei 67 anni – fossero solo attori minori è stato respinto dai pubblici ministeri e dai parenti delle vittime.

Tre dei sospettati sono processati: i fratelli Mohamed e Mehdi Belhoucine e Hayat Boumedienne, la fidanzata di Coulibaly, partiti per le zone controllate dall’Isis in Siria o in Iraq nei giorni precedenti gli attacchi. Tra i sospettati comparsi in tribunale, Ali Riza Polat, 35 anni, deve affrontare le più gravi accuse di complicità in un atto terroristico, che comporta la pena massima dell’ergastolo.

Polat, che era vicino a Coulibaly, è sospettato di svolgere un ruolo centrale nella preparazione degli attacchi, in particolare aiutando a costruire l’arsenale di armi utilizzate. Appare in “ogni fase della pianificazione dell’attacco”, secondo le indagini giudiziarie, organizzando linee telefoniche sicure, controllando il prezzo di esplosivi e munizioni e viaggiando con Coulibaly in Belgio.

Polat è stato il primo degli 11 accusati in tribunale a parlare, confermando brevemente il suo nome e la data dell’arresto. Il suo avvocato, Isabelle Coutant-Peyre, ha suscitato indignazione quando ha accusato i servizi segreti del paese di non aver svolto il proprio lavoro e di impedire gli attacchi.

Mohamed Belhoucine, che ha incontrato Coulibaly in carcere ed è accusato di aver aperto canali di comunicazione con l’Isis, affronta la stessa accusa di complicità di Polat. Non si sa dove si trovi Belhoucine, e sia lui che suo fratello sono stati segnalati come uccisi mentre combattevano con il gruppo terroristico. I funzionari francesi sospettano che Boumedienne sia in Siria.

Articolo precedenteRio nell’Elba: Sos, salviamo la Torre del Giove
Prossimo articoloAtlantia-Cdp, il nodo è quanto vale Autostrade

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here