Le maledizioni della Tunisia all’uomo che ha innescato la primavera araba

0
1246

Mohamed Bouazizi, il fruttivendolo di 26 anni la cui autoimmolazione ha innescato rivoluzioni in tutto il Medio Oriente, ha un viale a lui intitolato nella capitale tunisina, Tunisi. Nella sua città natale di Sidi Bouzid, è raffigurato in un gigantesco ritratto di fronte alla sede del governo locale. Ma un decennio da quando si è dato fuoco per protestare contro la corruzione e la brutalità dello stato, Bouazizi è fuori moda in Tunisia, insieme alla rivoluzione ispirata dalla sua morte. La sua famiglia si è trasferita in Canada e ha tagliato la maggior parte dei legami con Sidi Bouzid. “Sono stati imbrattati”, dice Bilal Gharby, 32 anni, un amico di famiglia. Nella via principale di Sidi Bouzid un passante, Fathiya Iman, 54 anni, quando le viene chiesto cosa pensa di Bouazizi, guarda la sua foto dall’altra parte della strada. “Lo maledico”, dice. “Voglio abbatterlo. È lui che ci ha rovinato. ” Qais Bouazizi, un cugino di Mohamed, dice che il loro cognome era un tempo un simbolo dell’orgoglio tunisino. “Ora la città di Sidi Bouzid e il cognome Bouazizi sembrano una maledizione”, dice.

I miti sulla Tunisia – culla dei movimenti di protesta, l’unica storia di successo, portabandiera della democrazia araba – si sgretolano man mano che si guida dalla costa mediterranea del paese verso l’entroterra trascurato la cui rabbia ha alimentato la cacciata dal potere di Zine al-Abidine Ben Ali , presidente autoritario di lunga data, nel gennaio 2011.

Dieci anni dopo, il tunisino è una democrazia. Ha resistito agli omicidi, agli attacchi terroristici e agli abissi ideologici dei suoi leader, ritirandosi in momenti cruciali dal precipizio del ritorno al governo autoritario, come è successo in Egitto, e della guerra civile, come in Siria, Yemen e Libia. I tunisini sono più liberi di criticare i loro leader rispetto a prima e le loro elezioni sono oneste. Eppure le persone sono infelici e disilluse, si uniscono a gruppi jihadisti tra i più grandi numeri pro capite di qualsiasi paese al mondo e quest’anno costituiscono la maggioranza dei migranti imbarcati in Italia.

Per la maggior parte, la rivoluzione è stata vissuta come un calo del tenore di vita. La crescita economica si è più che dimezzata dal 2010 e la disoccupazione è endemica tra i giovani, che rappresentano l’85% dei disoccupati. “Non è cambiato nulla”, dice Ashraf Hani, 35 anni, che dal suo chiosco dall’altra parte della strada ha visto Bouazizi prendere fuoco dopo che i suoi prodotti e il suo carrello erano stati confiscati. “Le cose stanno andando al peggio.” I dibattiti che occupano Tunisi, come se le donne debbano avere uguale accesso all’eredità o se la presidenza debba essere riservata ai musulmani, sembrano lontani dalla gente di Sidi Bouzid, dice Qais Bouazizi, 32 anni. “È lontana dalle questioni sociali la rivoluzione è stato sollevato per. I nostri slogan principali riguardavano il lavoro e la dignità “. Alla periferia di Kairouan, una città deserta a un’ora da Sidi Bouzid, Aisha Quraishi, 60 anni, dice che la corruzione che ha caratterizzato l’era di Ben Ali le rovina ancora la vita. Gli aiuti stranieri sono stati diretti nell’area per costruire piccole capanne di mattoni per lei e altre donne per vendere il pane sul ciglio della strada. La maggior parte dei soldi è svanita, dice, e lavora ancora da un tugurio di legno e tela cerata.

“Abbiamo vinto un po ‘di libertà”, dice del rovesciamento di Ben Ali. “Sotto di lui non potevamo parlare. Ma questo influisce sulla mia vita? Voglio libertà e dignità. Non posso averli entrambi? ” I frutti della rivoluzione sono più evidenti al Palazzo Bardo, il museo del XV secolo e il parlamento della capitale, dove i manifestanti mettono in scena sit-in e legislatori litigano sotto i soffitti decorati in foglia d’oro, in un’architettura che fonde stili romano, islamico ed europeo .

La facile fusione di epoche e culture che compone la Tunisia moderna è citata come una delle ragioni per cui ha sostenuto un esperimento democratico che altrove è stato di breve durata o inesistente. Gli analisti indicano anche il suo piccolo esercito apolitico e una società civile che ha trovato il modo di prosperare nonostante l’autoritarismo, dando zavorra alla nazione quando Ben Ali è caduto. Anche la geografia ha aiutato. “La Tunisia è sempre stata in qualche modo rimossa dal centro di gravità nel mondo arabo ed è stata meno significativa a causa delle sue dimensioni e della mancanza di risorse naturali”, afferma Safwan Masri, ricercatore senior presso la Columbia University. “È stato emarginato dal resto del mondo arabo e non significativo in termini di giochi geopolitici più ampi”.

Altri sostengono che l’unicità della Tunisia sia esagerata e che nei momenti in cui avrebbe potuto facilmente prendere la strada di altri stati della primavera araba, è stata salvata da decisioni sagge. Nella stanza per molti di questi c’era Ouided Bouchamaoui, ex capo della federazione dei datori di lavoro del paese e ora premio Nobel. Entro la metà del 2013, le faide tra il partito islamista Ennahda ei laici avevano congelato i colloqui su una nuova costituzione. Quando due leader di sinistra furono assassinati da sospetti jihadisti, Tunisi si gonfiò di manifestanti infuriati. Un movimento simile in Egitto aveva appena fatto cadere il governo dei Fratelli Musulmani, i cui sostenitori sono stati massacrati nelle strade.

Articolo precedente“Duchenne Boys”: un documentario sul killer genetico numero uno dei bambini, la distrofia muscolare di Duchenne
Prossimo articoloRiassunto: OCTO Telematics annuncia OCTO IoT4Insurance su Salesforce AppExchange, il marketplace sul cloud di applicazioni aziendali leader a livello mondiale

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here