Gaza, la triste storia dell’attivista Rami Aman: dalle torture al divorzio forzato

0
593

Dopo mesi di torture e interrogatori in una prigione di Hamas, l’attivista palestinese Rami Aman dice che gli è stata offerta una proposta non convenzionale: divorzia da tua moglie e sei libero di andartene. Aman aveva di recente firmato un contratto di matrimonio con la figlia di un funzionario di Hamas, e il gruppo militante islamico al potere avrebbe voluto dissipare ogni insinuazione che sostenesse la presenza di Aman verso gli attivisti pacifisti israeliani.

Aman afferma che alla fine è stato costretto a cedere alla pressione e che l’amore della sua vita è stato portato via da Gaza contro la sua volontà, e forse non la rivedrà mai più: “Mi sono reso conto di essere stato mandato lì fino a quando non avrò interrotto la mia relazione”, ha detto Aman in un’intervista sul tetto della sua casa di Gaza City. È stata l’umiliazione finale di una saga iniziata con quello che credeva essere un innocente incontro online con attivisti per la pace israeliani. Invece, l’episodio lo ha portato in una famigerata cella di prigione conosciuta come “l’autobus” e alla fine ha distrutto il suo matrimonio. La sua esperienza mostra i duri vincoli alla libertà di espressione nel territorio governato da Hamas e l’ostilità del gruppo militante a qualsiasi discorso sulla convivenza con Israele.

“Il trattamento deplorevole di Rami Aman da parte delle autorità di Hamas riflette la loro pratica sistematica di punire coloro il cui discorso minaccia la loro ortodossia”, ha detto Omar Shakir, direttore Israele-Palestina di Human Rights Watch.

Tra le chiusure diffuse all’inizio della pandemia da Covid-19, Aman ha voluto discutere del “doppio blocco”: Volevo far sapere alla gente com’è quando vivi sotto l’occupazione e l’assedio israeliano, privato dei diritti di cui gode il resto del mondo”.

Per oltre due ore, Aman e il suo gruppo di attivisti per la pace, il Gaza Youth Committee, hanno parlato di convivenza con dozzine di israeliani. Quando la notizia dell’incontro è trapelata, i social media si sono riempiti di commenti arrabbiati che lo hanno marchiato come un traditore. Alcuni hanno esortato Hamas, che governa Gaza dal 2007, ad agire.

Aman ha detto che il 9 aprile lui e sette membri del suo gruppo sono stati convocati alla Sicurezza interna, l’agenzia che si occupa di dissidenti e persone accusate di spionaggio per conto di Israele. Ha detto di essere stato bendato e spedito rapidamente all ‘”autobus”, una stanza fiancheggiata da file di sedie da scuola materna e un paio di servizi igienici alla fine. Là, ha detto, i detenuti sono costretti a sedersi su piccole sedie per giorni o settimane alla volta, con poche pause.

“Non hanno presentato alcuna prova contro di me”, ha detto Aman. Ha detto che si sarebbe seduto sulla sedia dalle 6:00 all’1:00, tranne quando è stato portato via per essere interrogato o per pregare. Gli è stato permesso di togliersi la benda solo quando è andato in bagno. I suoi carcerieri lo chiamavano con il numero della prigione, 6299.

Le domande si sono concentrate sulla riunione Zoom e su chi poteva esserci dietro. Aman è stato accusato di collaborare con Israele, un crimine punibile con la morte. Il Gaza Youth Committee ha tenuto dozzine di colloqui con israeliani, americani ed europei nell’ambito di un’iniziativa chiamata Skype with Your Enemy. Nel 2019 ha organizzato un evento con ciclisti a Gaza e Israele che percorrevano parallelamente i lati opposti della recinzione perimetrale di filo spinato. Ha detto che all’una del mattino, i “piloti dell’autobus” potevano dormire bendati vicino alle sedie. Si rannicchiavano nelle loro giacche e si sdraiavano sul pavimento freddo prima di essere svegliati poche ore dopo per la preghiera musulmana dell’alba. In un rapporto del 2018, Human Rights Watch ha documentato resoconti simili.

L’interrogatorio è terminato dopo una settimana, ma Aman ha detto di aver trascorso 18 giorni agonizzanti sull’autobus prima di essere trasferito in una cella minuscola. Poi l’interrogatorio ha preso una strana svolta. Solo due mesi prima, Aman aveva firmato un contratto di matrimonio con la figlia di un funzionario di Hamas in esilio con sede in Egitto. La coppia non ha avuto il tempo di celebrare il matrimonio con una cerimonia formale a causa di un blocco del coronavirus, ma erano considerati sposati ai sensi della legge islamica.

Aman ha detto di averla incontrata nel 2018 dopo che si era separata dal suo primo marito. Ha detto che credeva nel messaggio di pace e si è unita alla sua squadra in diverse discussioni con gli israeliani. Ha chiesto di non pubblicare il suo nome, temendo che potesse farle del male. Qualsiasi insinuazione che un membro di Hamas fosse amichevole con Israele è profondamente imbarazzante per il gruppo. In un caso non correlato e molto più grave, Mosab Yousef, figlio di uno dei co-fondatori di Hamas, ha spiato per Israele dal 1997 al 2007. Ora che vive negli Stati Uniti, è un convinto critico di Hamas e oggetto di un documentario.

Aman ha detto che la sua nuova moglie è stata arrestata con lui, ma sono stati rapidamente separati. “Lei non ti vuole”, gli disse un agente. “È meglio che divorziate entrambi.” Per due mesi, ha detto, ha resistito alla pressione di rompere. Il 28 giugno, l’ha finalmente visitato, dicendogli che era stata rilasciata su cauzione. “Questa non era la donna che conoscevo”, ha detto. “Era piena di debolezza e paura.” Gli ufficiali erano seduti nella stanza. Le ha chiesto se voleva porre fine alla relazione e lei ha risposto di sì. “So che non l’ha detto dal suo cuore ed era chiaro che era sotto forte pressione”, ha detto Aman.

Ha rifiutato di concederle il divorzio. A luglio è stato trasferito nella prigione centrale di Hamas, sebbene non fosse ancora stato condannato per alcun crimine. Non ci furono più interrogatori o torture. Il 12 agosto, un giudice islamico è venuto in visita e gli ha chiesto se si sentisse costretto a divorziare. Aman gli ha detto di sì e si è sentito incoraggiato dal momento che la legge islamica non consente il divorzio di qualcuno. Ma poi l’imam gli si è rivoltato contro. “Come vieni costretto? Mi vedi con una pistola? “ 

Alla fine Amas ha ceduto e ha firmato i documenti del divorzio dopo che gli era stato promesso che sarebbe stato rilasciato il giorno successivo. Tuttavia rimase in cattività per altri due mesi. Il 25 ottobre l’Egitto ha aperto il confine con Gaza per consentire a una delegazione di Hamas di recarsi al Cairo. Il giorno successivo, un tribunale di Hamas ha condannato Aman e due membri della sua squadra con l’accusa vaga di “indebolire lo spirito rivoluzionario”. Sono stati condannati a un anno di prigione, ma il resto dei loro termini è stato sospeso e sono stati rilasciati.

Solo allora Aman ha saputo che sua moglie era stata portata con la delegazione di Hamas in Egitto e consegnata ai parenti che vivevano lì. La donna ha confermato di essere stata costretta al divorzio e di voler indietro suo marito. Il proprietario dell’appartamento di Gaza dove viveva la donna ha confermato di aver ritirato i suoi averi, accompagnata da un funzionario di Hamas, dopo il suo rilascio su cauzione. È stata poi portata in un rifugio per donne fino al suo trasferimento in Egitto. Il funzionario non ha risposto alle chiamate in cerca di commenti. Aman trascorre le sue giornate parlando al suo avvocato, ai gruppi per i diritti umani e mandando messaggi ai funzionari di Hamas. La sicurezza interna sta ancora tenendo il suo laptop, computer desktop e il suo telefono insieme a molti altri dispositivi appartenenti ai membri della famiglia.

Ha anche appreso che ora gli è impedito di lasciare Gaza. A dicembre, dopo aver ricevuto un invito a parlare alla New York University, ha detto che gli ufficiali di Hamas gli hanno impedito di entrare in Israele per richiedere un visto al consolato degli Stati Uniti. Eyad Bozum, un portavoce del ministero dell’Interno, ha confermato il divieto di viaggio ma ha detto che la questione “sta per essere risolta”, senza approfondire. Per ora, Aman ha messo da parte il suo attivismo politico. “Ora ho la mia battaglia personale: tornare da mia moglie.”

Articolo precedenteMyanmar, proseguono gli episodi di violenza a due mesi dal golpe
Prossimo articoloStati Uniti-Iran: in fase di riavvio gli accordi sul nucleare

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here