Stati Uniti-Iran: in fase di riavvio gli accordi sul nucleare

0
467

Gli Stati Uniti e l’Iran hanno dichiarato l’avvio dei colloqui con altre grandi potenze mondiali in vista della prossima settimana per cercare di riportare entrambi i paesi in un accordo che limitasse il programma nucleare iraniano, quasi tre anni dopo che il presidente Donald Trump ha ritirato il governo Usa dall’accordo.

Il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price ha definito la ripresa dei negoziati, prevista per martedì in Austria, “un sano passo avanti”, aggiungendo che: “questi sono ancora i primi giorni e non prevediamo una svolta immediata poiché ci saranno discussioni difficili in vista”. Trump ha ritirato gli Stati Uniti dall’accordo nucleare iraniano nel 2018 e il presidente Joe Biden ha affermato che il ritorno all’accordo è una priorità per la sua amministrazione.

L’amministrazione Biden e l’Iran hanno differito in tutte le condizioni affinché ciò accadesse, inclusa la tempistica della revoca delle sanzioni statunitensi contro l’Iran, e lo stallo su quei punti aveva minacciato di rappresentare una grave battuta d’arresto della politica estera della nuova amministrazione.

L’accordo sull’inizio dei colloqui multipartitici, in corso per far tornare gli Stati Uniti all’accordo nucleare del 2015, è arrivato dopo i colloqui di giovedì mediati da altri governi. Price ha detto che i colloqui della prossima settimana saranno strutturati intorno ai gruppi di lavoro che l’Unione Europea stava formando con i restanti partecipanti all’accordo, compreso l’Iran.

“Le questioni principali che saranno discusse sono i passi nucleari che l’Iran dovrebbe intraprendere per tornare a rispettare i termini del JCPOA, e le misure di riduzione delle sanzioni che gli Stati Uniti dovrebbero adottare per tornare alla conformità”, ha affermato Price. Il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif ha immediatamente sottolineato che non era previsto alcun incontro tra funzionari dell’Iran e degli Stati Uniti, ribadendo in un tweet che l’obiettivo della sessione di Vienna sarebbe “finalizzare rapidamente la revoca delle sanzioni”.

La televisione di stato iraniana ha citato Abbas Araghchi, il negoziatore nucleare iraniano all’incontro virtuale, affermando durante la riunione di discussione di venerdì che qualsiasi “ritorno degli Stati Uniti all’accordo nucleare non richiede alcun negoziato e il percorso è abbastanza chiaro”.

“Gli Stati Uniti possono tornare all’accordo e smettere di violare la legge nello stesso modo in cui si sono ritirati dall’accordo e hanno imposto sanzioni illegali all’Iran”, ha detto Araghchi. L’ambasciatore della Russia presso le organizzazioni internazionali a Vienna, Mikhail Ulyanov, ha affermato che “l’impressione è che siamo sulla buona strada, ma il percorso non sarà facile e richiederà sforzi intensi. Gli stakeholder sembrano essere pronti per questo “. 

L’Agenzia internazionale per l’energia atomica ha affermato che negli ultimi due anni l’Iran ha accumulato molto materiale nucleare, utilizzando il tempo per “affinare le proprie capacità in questo settore”. L’obiettivo finale dell’accordo è impedire all’Iran di sviluppare una bomba nucleare.

Articolo precedenteGaza, la triste storia dell’attivista Rami Aman: dalle torture al divorzio forzato
Prossimo articoloTaiwan, l’incidente ferroviario peggiore della storia dell’isola: le vittime salgono quota a 51

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here