Stati Uniti ed Europa, la possibile via di fuga dalla lotta fiscale globale

0
348

Un lungo sforzo per adeguare le norme internazionali in materia di tassazione delle società nell’era digitale si sta avvicinando a una svolta. Gli ostacoli rimangono, ma sta lentamente emergendo un percorso che li aggira. Lo sviluppo chiave è arrivato nella tarda serata di ieri con una nuova proposta degli Stati Uniti su come dovrebbero essere assegnati i diritti di tassazione tra i paesi.

L’amministrazione del presidente Joe Biden vuole che circa un centinaio di grandi aziende nel mondo, compresi i giganti della tecnologia come Facebook, paghino alcune tasse in base a dove vengono generate le vendite piuttosto che solo dove vengono dichiarati i profitti, secondo quanto riportato dal Financial Times.

Sembra simile a un progetto proposto lo scorso anno dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico con sede a Parigi, che sta supervisionando i negoziati tra circa 135 governi sul rinnovamento dell’imposta sulle società. Quando una società francese acquista pubblicità associata alla ricerca di Google per rivolgersi a un consumatore locale, ad esempio, le regole proposte significherebbero che il ministero delle finanze francese otterrebbe una riduzione maggiore del prezzo pagato ad Alphabet piuttosto che guardare gran parte del flusso di profitti verso l’Irlanda e gli Stati Uniti. La nuova proposta probabilmente catturerebbe anche gruppi di consumatori come LVMH, che potrebbe dover pagare alcune tasse sulle loro vendite negli Stati Uniti

La concessione di Biden potrebbe sbloccare il premio molto più grande di un’aliquota fiscale minima globale per le società. La maggior parte dei principali governi partecipanti ai colloqui dell’OCSE ha convenuto che ciò era necessario, ma l’intransigenza degli Stati Uniti sulla tassazione digitale sotto l’ex presidente Donald Trump ha bloccato i progressi.

Nuovo slancio significa che possibili resistenze come Irlanda, Paesi Bassi o Lussemburgo, avrebbero poche speranze di evitare l’imposizione fiscale. I paesi possono effettivamente imporre unilateralmente delle tasse minime chiedendo alle aziende di consegnare la differenza tra questo minimo e il prelievo societario che l’impresa sta già pagando. Portando a bordo Gran Bretagna, Francia, India, Germania e altri, Biden può mettere all’angolo i paradisi fiscali.

Il presidente francese Emmanuel Macron proverà a vendere la nuova proposta di Biden come un importante ritiro degli Stati Uniti, mentre il presidente americano dovrà sostenere il contrario al Congresso. Uno o entrambi questi tentativi potrebbero fallire. Ma per la prima volta da un po ‘di tempo, i capi dei principali governi occidentali sembrano essere sullo stesso piano della riforma globale dell’imposta sulle società. Questo è già un progresso.

Articolo precedenteCovid-19, Iran: superati i due milioni di casi totali
Prossimo articoloMyanmar, altri 4 manifestanti uccisi nella città di Bago

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here