Myanmar, altri 4 manifestanti uccisi nella città di Bago

0
419

Più di 600 persone sono state uccise in Myanmar dalle forze di sicurezza che reprimono le proteste contro il golpe dello scorso febbraio in cui i militari hanno estromesso il governo eletto di Aung San Suu Kyi. La nazione del sud-est asiatico è a un punto morto a causa della campagna di protesta e degli scioperi diffusi contro il governo militare. 

Nelle ultime violenze, almeno quattro manifestanti sono stati uccisi oggi dalle forze di sicurezza nella città di Bago, vicino alla città principale di Yangon. Il gruppo di attivisti dell’Associazione di assistenza per i prigionieri politici (AAPP) ha dichiarato che 614 persone, tra cui 48 bambini, sono state uccise dalle forze di sicurezza dopo il colpo di stato. Oltre 2.800 erano in detenzione. 

“Siamo umiliati dal loro coraggio e dignità” –  hanno detto gli ambasciatori dei manifestanti – “Siamo uniti per sostenere le speranze e le aspirazioni di tutti coloro che credono in un Myanmar libero, giusto, pacifico e democratico. La violenza deve finire, tutti i detenuti politici devono essere rilasciati e la democrazia deve essere ripristinata.” La dichiarazione è stata firmata dagli ambasciatori di Stati Uniti, Gran Bretagna, UE, Canada, Australia, Nuova Zelanda, Corea del Sud, Svizzera e diverse nazioni europee. 

Articolo precedenteStati Uniti ed Europa, la possibile via di fuga dalla lotta fiscale globale
Prossimo articoloRegno Unito, morto il principe Filippo: il duca di Edimburgo senza corona

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here