Nuovi disordini in Irlanda del Nord, i retroscena di una storia travagliata

0
431

I giovani hanno lanciato mattoni, fuochi d’artificio e bombe a benzina contro la polizia, incendiando auto dirottate e un autobus durante una settimana di violenze per le strade dell’Irlanda del Nord. Le scene caotiche hanno suscitato ricordi di decenni di conflitto cattolico-protestante, noto come “The Troubles”. Un accordo di pace del 1998 ha posto fine alla violenza su vasta scala ma non ha risolto le tensioni profonde dell’Irlanda del Nord. Uno sguardo ai retroscena della nuova violenza:

PERCHÉ L’IRLANDA DEL NORD È UNA TERRA CONTESTATA?

Geograficamente, l’Irlanda del Nord fa parte dell’Irlanda. Politicamente, fa parte del Regno Unito.

L’Irlanda, a lungo dominata dal suo vicino più grande, si è liberata circa 100 anni fa dopo secoli di colonizzazione e un’unione difficile. Ventisei delle sue trentadue contee divennero un paese indipendente, a maggioranza cattolica. Negli anni ’60, un movimento cattolico per i diritti civili ha chiesto un cambiamento, ma ha dovuto affrontare una dura risposta da parte del governo e della polizia. Alcune persone sia della parte cattolica che di quella protestante hanno formato gruppi armati che hanno intensificato la violenza con bombardamenti e sparatorie. L’esercito britannico è stato schierato nel 1969, inizialmente per mantenere la pace. La situazione si è deteriorata in un conflitto tra militanti repubblicani irlandesi che volevano unirsi al sud, paramilitari lealisti che cercavano di mantenere le truppe britanniche dell’Irlanda del Nord e truppe britanniche. Durante tre decenni di conflitto più di 3.600 persone, per la maggior parte civili, sono state uccise in attentati e sparatorie. La maggior parte era nell’Irlanda del Nord, sebbene l’esercito repubblicano irlandese abbia fatto esplodere bombe anche a Londra e in altre città britanniche.

COME È FINITO IL CONFLITTO?

Negli anni ’90, dopo colloqui segreti e con l’aiuto degli sforzi diplomatici di Irlanda, Gran Bretagna e Stati Uniti, i combattenti raggiunsero un accordo di pace. L’accordo del Venerdì Santo del 1998 ha visto i paramilitari deporre le armi e istituire un governo cattolico-protestante per la condivisione del potere per l’Irlanda del Nord. La questione dello status finale dell’Irlanda del Nord è stata rinviata: sarebbe rimasta britannica fintanto che questo fosse stato il desiderio della maggioranza, ma non è stato escluso un futuro referendum sulla riunificazione. Mentre la pace è in gran parte perdurata, piccoli gruppi di scissione dell’esercito repubblicano irlandese hanno organizzato attacchi occasionali contro le forze di sicurezza e ci sono stati focolai di violenza.

Politicamente, l’accordo di condivisione del potere ha avuto periodi di successo e fallimento. L’amministrazione di Belfast è crollata nel gennaio 2017 a causa di un progetto di energia verde fallito. Rimase sospeso per più di due anni in mezzo a una spaccatura tra sindacalisti britannici e partiti nazionalisti irlandesi su questioni culturali e politiche, incluso lo status della lingua irlandese. Il governo dell’Irlanda del Nord ha ripreso i lavori all’inizio del 2020, ma permane una profonda sfiducia da entrambe le parti.

IN CHE MODO LA BREXIT HA COMPLICATO LE COSE?

L’Irlanda del Nord è stata definita il “figlio problematico” della Brexit, il divorzio del Regno Unito dall’Unione europea. Essendo l’unica parte del Regno Unito che ha un confine con una nazione dell’UE, l’Irlanda, è stata la questione più delicata da risolvere dopo che la Gran Bretagna ha votato in modo restrittivo nel 2016 per lasciare il blocco di 27 nazioni. Un confine irlandese aperto, oltre il quale persone e merci scorrono liberamente, è alla base del processo di pace, consentendo alle persone in Irlanda del Nord di sentirsi a casa sia in Irlanda che nel Regno Unito. L’insistenza del governo conservatore britannico su una “hard Brexit” che ha portato il paese fuori dall’ordine economico dell’UE ha significato la creazione di nuove barriere e controlli sul commercio. Sia la Gran Bretagna che l’UE hanno convenuto che il confine non poteva essere in Irlanda a causa del rischio che avrebbe rappresentato per il processo di pace. L’alternativa era metterlo, metaforicamente, nel Mare d’Irlanda – Tale accordo ha allarmato i sindacalisti britannici, i quali affermano che indebolisce la posizione dell’Irlanda del Nord nel Regno Unito e potrebbe sostenere le richieste di riunificazione irlandese.

La violenza è stata in gran parte nelle aree protestanti dentro e intorno a Belfast e nella seconda città dell’Irlanda del Nord, Londonderry, sebbene i disordini si siano estesi ai quartieri cattolici. La Gran Bretagna ha lasciato l’abbraccio economico dell’UE il 31 dicembre e i nuovi accordi commerciali sono diventati rapidamente una fonte di fastidio per i sindacalisti dell’Irlanda del Nord che vogliono rimanere nel Regno Unito I primi problemi commerciali, aggravati dalla pandemia di coronavirus, hanno portato ad alcuni scaffali vuoti dei supermercati, alimentando l’allarme .

Il personale di frontiera è stato temporaneamente ritirato dai porti dell’Irlanda del Nord a febbraio dopo che apparivano minacciosi graffiti diretti ai lavoratori portuali. C’era rabbia per il fatto che il primo ministro britannico Boris Johnson, che a lungo ha insistito che non ci sarebbero stati nuovi controlli sul commercio a seguito della Brexit, aveva minimizzato la portata dei cambiamenti apportati dall’uscita dall’UE. Alcuni nella comunità lealista britannica dell’Irlanda del Nord si sentono come se la loro identità fosse minacciata.

“Molti lealisti credono che, de facto, l’Irlanda del Nord abbia cessato di essere parte del Regno Unito tanto quanto lo era”, ha detto a Sky News il professore di politica dell’Università dell’Ulster Henry Patterson. Gli unionisti sono anche arrabbiati per la decisione della polizia di non perseguire i politici del partito Sinn Fein legato all’IRA che hanno partecipato al funerale di un ex comandante dell’esercito repubblicano irlandese a giugno, nonostante le restrizioni del coronavirus. Nel frattempo, i gruppi armati fuorilegge continuano a operare come bande criminali della droga ed esercitano ancora influenza nelle comunità della classe operaia, sebbene i principali paramilitari abbiano negato il coinvolgimento nei recenti disordini. Molti di coloro che sono stati coinvolti nella violenza erano adolescenti e persino bambini di 12 anni.

Sono cresciuti dopo i Troubles, ma vivono in aree dove la povertà e la disoccupazione rimangono elevate e dove le divisioni settarie non sono state sanate. Due decenni dopo l’accordo di pace del Venerdì Santo, i “muri di pace” di cemento separano ancora le aree della classe operaia cattolica e protestante di Belfast. La pandemia di coronavirus ha aggiunto nuovi livelli di danni economici, interruzioni dell’istruzione e noia indotta da blocchi. Nonostante le richieste di pace da parte dei leader politici di Belfast, Londra, Dublino e Washington, il nodo dei problemi potrebbe rivelarsi difficile da risolvere. “Queste sono aree di privazione multipla con la sensazione di non avere molto da perdere”, ha detto Katy Hayward, professore di politica alla Queen’s University di Belfast. “E quando (le persone) vengono mobilitate dai social media dicendo loro ‘Basta è abbastanza, ora è il momento di difendere l’Ulster’, allora molti di loro – troppi – rispondono a questo.”

Articolo precedenteRegno Unito, le reazioni del mondo alla morte del principe Filippo
Prossimo articoloMyanmar, uccisi 10 poliziotti in un attacco alle prime luci dell’alba

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here