Myanmar, uccisi 10 poliziotti in un attacco alle prime luci dell’alba

0
448

Un’alleanza di eserciti etnici in Myanmar, che si è opposta alla repressione della giunta contro le proteste per il colpo di stato, ha attaccato oggi una stazione di polizia a est e almeno 10 poliziotti sono stati uccisi, dicono i media nazionali. La stazione di polizia di Naungmon, nello stato di Shan, è stata attaccataalle prime luci dell’alba da combattenti di un’alleanza che include l’Esercito di Arakan, l’Esercito di Liberazione Nazionale di Ta’ang e l’Esercito dell’Alleanza Democratica Nazionale del Myanmar, hanno riferito i media.

Shan News ha detto che almeno 10 poliziotti sono stati uccisi, mentre il notiziario Shwe Phee Myay ha fissato il bilancio delle vittime a 14.  Secondo un gruppo di monitoraggio, più di 600 persone sono state uccise dai militari nella repressione delle proteste contro il colpo di stato di giorno 1 febbraio. Con l’escalation della violenza, circa una dozzina di gruppi armati hanno condannato la giunta come illegittima e hanno giurato di stare con i manifestanti. I legislatori civili, la maggior parte dei quali si nascondono dopo la loro cacciata, hanno annunciato piani per formare un “governo di unità nazionale” – con ruoli chiave per i leader etnici – e stanno tenendo colloqui online sulla resistenza congiunta alla giunta militare.

Articolo precedenteNuovi disordini in Irlanda del Nord, i retroscena di una storia travagliata
Prossimo articoloTeheran, problemi tecnici presso l’impianto nucleare di Natanz

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here