Teheran, problemi tecnici presso l’impianto nucleare di Natanz

0
386

Nella giornata di oggi il sito nucleare iraniano di Natanz ha subito un problema che ha coinvolto la sua rete di distribuzione elettrica poche ore dopo l’avvio di nuove centrifughe avanzate che arricchiscono più rapidamente l’uranio, ha riferito la TV di stato. È stato l’ultimo incidente a colpire uno dei siti più sicuri di Teheran durante i negoziati sull’accordo atomico sbrindellato con le potenze mondiali.

Il potere era stato tagliato attraverso l’impianto di officine fuori terra e sale di arricchimento sotterranee, ha detto alla televisione di stato iraniana il portavoce del programma nucleare civile Behrouz Kamalvandi: “qui l’alimentazione è stata effettivamente interrotta, e non sappiamo il motivo dell’interruzione”, ha detto. “L’incidente è sotto inchiesta e vi informeremo sul motivo non appena lo scopriremo.” 

L’Agenzia internazionale per l’energia atomica con sede a Vienna, che monitora il programma iraniano, ha detto di essere “a conoscenza dei rapporti dei media”, ma ha rifiutato di commentare. Malek Shariati Niasar, un legislatore che funge da portavoce della commissione per l’energia del parlamento iraniano, ha scritto su Twitter che l’incidente era “molto sospetto”, sollevando preoccupazioni su possibili “sabotaggi e infiltrazioni”. Ha detto che anche i legislatori stavano cercando i dettagli dell’incidente.

Natanz, una struttura precedentemente presa di mira dal virus informatico Stuxnet, è stata in gran parte costruita sottoterra per resistere agli attacchi aerei nemici. È diventato un punto critico per le paure occidentali sul programma nucleare iraniano nel 2002, quando le foto satellitari mostravano l’Iran che costruiva il suo impianto di centrifughe sotterranee nel sito, a circa 200 chilometri a sud della capitale Teheran. Natanz ha subito una misteriosa esplosione nel suo avanzato impianto di assemblaggio di centrifughe a luglio che le autorità hanno successivamente descritto il fenomeno come un sabotaggio. L’Iran ora sta ricostruendo quella struttura nelle profondità di una montagna vicina.

Israele, acerrima nemica regionale dell’Iran, è stata accusata di aver effettuato più di un attacco lì, mentre le potenze mondiali ora negoziano con Teheran a Vienna sul suo accordo nucleare. L’Iran ha anche incolpato Israele per l’uccisione di uno scienziato che ha avviato il programma nucleare militare del paese decenni prima.

Israele non ha rivendicato nessuno degli attacchi, sebbene il primo ministro Benjamin Netanyahu abbia ripetutamente descritto l’Iran come la principale minaccia affrontata dal suo paese nelle ultime settimane. Non è stato possibile raggiungere immediatamente i funzionari israeliani per un commento. Il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Lloyd Austin è atterrato oggi in Israele per colloqui con Netanyahu e il ministro della Difesa israeliano Benny Gantz.

Natanz ospita oggi il principale impianto di arricchimento dell’uranio del paese. Nelle sue lunghe sale sotterranee, le centrifughe fanno girare rapidamente il gas esafluoruro per arricchire l’uranio. Nella giornata di ieri l’Iran ha annunciato di aver lanciato una catena di 164 centrifughe IR-6 presso l’impianto. I funzionari hanno anche iniziato a testare la centrifuga IR-9, che secondo loro arricchirà l’uranio 50 volte più velocemente delle centrifughe di prima generazione iraniane.

L’Iran mantiene sulla carta il suo programma atomico per scopi pacifici, ma i timori che Teheran abbia la capacità di fabbricare una bomba ha condotto le potenze mondiali a raggiungere l’accordo con la Repubblica islamica nel 2015.

L’accordo ha revocato le sanzioni economiche all’Iran in cambio della limitazione del suo programma, consentendo agli ispettori dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica di tenere sotto stretto controllo il suo lavoro. Martedì, una nave da carico iraniana che si dice funga da base galleggiante per le forze paramilitari della Guardia rivoluzionaria iraniana al largo delle coste dello Yemen è stata colpita da un’esplosione. L’Iran ha incolpato Israele dell’esplosione. Quell’attacco ha intensificato una guerra delle ombre di lunga durata nei corsi d’acqua del Medio Oriente che prendeva di mira le navi nella regione.

Articolo precedenteMyanmar, uccisi 10 poliziotti in un attacco alle prime luci dell’alba
Prossimo articoloVaccino covid, AstraZeneca e over 80

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here