Approvato dall’India l’utilizzo di tutti i vaccini contro il Covid-19

0
457

L’India ha dichiarato nella giornata odierna la volontà di approvare l’uso di tutti i vaccini contro il Covid-19 a cui è stata data l’autorizzazione dall’Organizzazione mondiale della sanità o dalle autorità di regolamentazione negli Stati Uniti, in Europa, in Gran Bretagna o in Giappone. Il ministero della Salute indiano ha affermato che la decisione mira ad accelerare l’uso di iniezioni effettuate in altri paesi e ad ampliare il numero di vaccinati. Il paese conta quasi 1,4 miliardi di persone e sta assistendo a un’ondata di infezioni paralizzanti che minaccia di travolgere gli ospedali nelle città duramente colpite. L’unico modo per uscire dalla crisi, dicono gli esperti, è vaccinare più persone.

Ma questo ha implicazioni globali poiché l’India è un importante produttore di vaccini e le sue esigenze interne hanno ritardato la consegna di iniezioni all’iniziativa COVAX sostenuta dalle Nazioni Unite che mira a distribuire i vaccini in modo equo. L’India aveva precedentemente accennato al vaccino AstraZeneca prodotto dal Serum Institute of India e un altro prodotto dalla società indiana Bharat Biotech.

Ora, i vaccini che hanno ricevuto l’autorizzazione all’uso di emergenza da parte delle autorità di regolamentazione negli Stati Uniti, in Europa, in Gran Bretagna, in Giappone o nell’Organizzazione mondiale della sanità possono essere utilizzati in India. Oggi il ministero della Salute ha anche affermato che il vaccino russo Sputnik V è stato approvato. Il ministero della Salute ha affermato che la sicurezza sarà monitorata nelle prime 100 persone che riceveranno queste dosi, prima che il suo utilizzo venga esteso ad altri.

Il dottor Shahid Jameel, che studia i virus presso l’Università di Ashoka in India, ha affermato che sebbene fosse improbabile che la mossa aiutasse il paese ad affrontare l’impennata che stava vivendo attualmente, aiuterebbe la disponibilità di vaccini in futuro, liberando di conseguenza i vaccini che potrebbero poi essere esportati. Ha detto che questo avrebbe spianato la strada all’India per utilizzare vaccini realizzati da aziende con un partner di produzione in India. Ad esempio, il produttore di vaccini Biological E Ltd è incaricato di produrre il vaccino Johnson & Johnson.

Jameel ha aggiunto che questo potrebbe potenzialmente aprire il mercato per i vaccini che richiedono la vendita di strutture di conservazione ultrafredda nelle città in cui tali strutture sono disponibili. I prezzi dei vaccini in India sono attualmente limitati a 250 rupie o 3,30 dollari. Ciò consentirà anche al governo di sovvenzionare i vaccini per i poveri, mentre quelli che possono permettersi di acquistare vaccini più costosi possono farlo.

La Russia ha accordi con cinque società farmaceutiche indiane per produrre più di 850 milioni di dosi di vaccini Sputnik V in India per il mondo. Ha anche firmato un accordo con i laboratori del dottor Reddy per condurre prove tardive e distribuire fino a 250 milioni di dosi in India.

Ma con quattro dei cinque accordi della Russia conclusi a marzo e aprile, è probabile che le dosi vengano fornite più avanti nel corso dell’anno. Inoltre, il primo accordo di produzione della Russia con l’India è stato con Hetero Biopharma per 100 milioni di dosi, ma non è chiaro se abbia iniziato la produzione.

Articolo precedenteProteste in Pakistan, uccisi due manifestanti e un poliziotto
Prossimo articoloMyanmar, gli attivisti annullano le festività di capodanno e continuano a protestare

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here