Proteste in Pakistan, uccisi due manifestanti e un poliziotto

0
533

Due manifestanti e un poliziotto sono stati uccisi nella giornata di oggi in violenti scontri tra islamisti e polizia in Pakistan, poche ore dopo che le autorità avevano arrestato il capo di un partito islamista nella città orientale di Lahore, secondo quanto riferito da un alto funzionario e dai media locali.

Il poliziotto è stato ucciso in scontri notturni con i sostenitori di Saad Rizvi, il capo del Tehreek-e-Labiak Pakistan arrestato ieri. Anche dieci poliziotti sono rimasti feriti in questi scontri nella città di Shahadra vicino Lahore.

Secondo quanto riferito, due islamisti sono stati uccisi nella provincia orientale del Punjab. La violenza è iniziata lunedì dopo che la polizia ha arrestato Rizvi per aver minacciato proteste se il governo non avesse espulso l’ambasciatore francese per le raffigurazioni del profeta dell’Islam Muhammad.

Secondo Dogar, l’arresto era finalizzato al mantenimento dell’ordine pubblico. Tuttavia la detenzione di Rizvi ha subito scatenato violente proteste da parte degli islamisti nelle città di tutto il Paese. I manifestanti hanno bloccato autostrade e strade in diverse città. Gli scontri mortali arrivano due giorni dopo che Rizvi in ​​una dichiarazione ha chiesto al governo del primo ministro Imran Khan di onorare quello che ha detto essere un impegno preso a febbraio al suo partito per espellere l’inviato francese prima del 20 aprile per la pubblicazione in Francia di raffigurazioni di Profeta dell’Islam.

Tuttavia, il governo ha detto che si è impegnato solo a discutere la questione in Parlamento. La reazione dei sostenitori di Rizvi contro il suo arresto è stata così rapida che la polizia nella città orientale di Lahore non è riuscita a liberare un’autostrada e le strade principali. Migliaia di persone sono rimaste bloccate nei loro veicoli. Gli scontri di lunedì sono scoppiati inizialmente a Lahore, la capitale della provincia orientale del Punjab.

I sostenitori di Rizvi si sono successivamente scontrati con la polizia nella città portuale meridionale di Karachi e hanno continuato a manifestare alla periferia della capitale Islamabad, interrompendo il traffico e creando disagi ai residenti. Rizvi è emerso come leader del partito Tehreek-e-Labiak Pakistan a novembre dopo la morte improvvisa di suo padre, Khadim Hussein Rizvi.

I suoi sostenitori hanno già tenuto violente manifestazioni in Pakistan per fare pressione sul governo affinché non abroghi le controverse leggi sulla blasfemia del paese. Il partito di Rizvi vuole che il governo boicotti i prodotti francesi ed espelli l’ambasciatore francese in base a un accordo firmato dal governo con il partito di Rizvi a febbraio.

Tehreek-e-Labiak e altri partiti islamisti hanno denunciato il presidente francese Emmanuel Macron dall’ottobre dello scorso anno, dicendo che ha cercato di difendere le caricature del profeta Maometto come libertà di espressione. I commenti di Macron sono arrivati ​​dopo che un giovane musulmano ha decapitato un insegnante di scuola francese che aveva mostrato caricature del profeta Maometto in classe.

Le immagini erano state ripubblicate dalla rivista satirica Charlie Hebdo in occasione dell’apertura del processo per il micidiale attacco del 2015 contro la pubblicazione per le caricature originali. Ciò ha fatto infuriare molti musulmani in Pakistan e altrove che credevano che quelle raffigurazioni fossero blasfeme.

Il partito di Rizvi ha anche una storia di proteste e sit-in per fare pressione sul governo affinché accetti le sue richieste. Nel novembre 2017, i seguaci di Rizvi hanno organizzato una protesta di 21 giorni e un sit-in dopo che un riferimento alla santità del profeta Muhammad è stato rimosso dal testo di un modulo di governo.

Articolo precedenteDalla fabbrica direttamente al tuo salotto: l’aspirapolvere pieghevole intelligente Redkey F10 offre convenienza ed efficacia straordinarie
Prossimo articoloApprovato dall’India l’utilizzo di tutti i vaccini contro il Covid-19

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here