21 nuovi cardinali, la Chiesa Cattolica sta andando verso un nuovo ordine. Video del Concistoro

Da oltre 2000 anni la Chiesa anticipa l'evoluzione dei popoli, Sara' cosi' anche in questo secolo.

0
658
copyright@vatican media

by Riccardo Cacelli
Londra – La Chiesa Cattolica si sta orientando verso la multipolarita’? Con la nomina di 21 nuovi cardinali sembrerebbe proprio di si.

Nella parte finale della sua omelia di presentazione dei nuovi cardinali, Papa Francesco, ha detto:”….. il Collegio Cardinalizio è chiamato ad assomigliare a un’orchestra sinfonica, che rappresenta la sinfonicità e la sinodalità della Chiesa. Dico anche la “sinodalità”, non solo perché siamo alla vigilia della prima Assemblea del Sinodo che ha proprio questo tema, ma perché mi pare che la metafora dell’orchestra possa illuminare bene il carattere sinodale della Chiesa.

Una sinfonia vive della sapiente composizione dei timbri dei diversi strumenti: ognuno dà il suo apporto, a volte da solo, a volte unito a qualcun altro, a volte con tutto l’insieme. La diversità è necessaria, è indispensabile. Ma ogni suono deve concorrere al disegno comune. E per questo è fondamentale l’ascolto reciproco: ogni musicista deve ascoltare gli altri. Se uno ascoltasse solo sé stesso, per quanto sublime possa essere il suo suono, non gioverà alla sinfonia; e lo stesso avverrebbe se una sezione dell’orchestra non ascoltasse le altre, ma suonasse come se fosse da sola, come se fosse il tutto. E il direttore dell’orchestra è al servizio di questa specie di miracolo che ogni volta è l’esecuzione di una sinfonia. Egli deve ascoltare più di tutti gli altri, e nello stesso tempo il suo compito è aiutare ciascuno e tutta l’orchestra a sviluppare al massimo la fedeltà creativa, fedeltà all’opera che si sta eseguendo, ma creativa, capace di dare un’anima a quello spartito, di farlo risuonare nel qui e ora in maniera unica.”

I nuovi cardinali provengono da:
Italia (3), Stati Uniti, Argentina (3), Colombia, Venezuela, Svizzera, Francia (2), Polonia, Portogallo, Spagna (2), Sudafrica, Sud Sudan (che avrà il suo primo cardinale), Tanzania, Malaysia, Hong Kong-Cina. 

Papa Francesco ha ridisegnato la geografia del Collegio Cardinalizio (la composizione degli elettori al prossimo conclave) rendendolo sempre meno itliano ed europeo sempre più globale.

Qualcosa che era impensabile fino al pontificato di Benedetto XVI.

Con questo nuovo Concistoro, il suo nono, Papa Francesco imprime un’ulteriore accelerazione verso la Chiesa del futuro, a vocazione missionaria, scegliendo cardinali di ogni latitudine, comprese le più remote e dimenticate aree del Mondo, collocando le “periferie ecclesiastiche” al centro della cattolicità.

Con Papa Francesco la Chiesta Cattolica si sta dimostrando, con i fatti enon con le parole, veramente universale.
Con i suoi millenni di presenza nel Mondo la Chiesta Cattolica anticipa il pensiero, il desiderio, la volonta’ e la speranza dei popoli del sud del Mondo di migliorare la qualita’ della propria vita.

Stiamo vivendo cambiamenti epocali in questo inizio di secolo.

Riccardo Cacelli
r.cacelli@cacelli.com

PER VEDERE IL CONCISTORO


Articolo precedente#Slovacchia verso un governo di coalizione. Ma anche verso la #Russia? Oppure saldamente nell’#UnioneEuropea?
Prossimo articoloVideo integrale dell’Assemblea Per la Pace, la Terra e la Dignità – Roma 30 settembre
Business Advisor in Advanced Air Mobility and Urban Air Mobility, Unconvetional Marketing, Blue Ocean Strategy www.cacelli.com r.cacelli@cacelli.com

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here