Scalea, Biblioteca al Centro: è iniziata la fase operativa

0
237

Nell’ambito del progetto “Biblioteca al Centro”, martedì 24 e mercoledì 25 ottobre, un gruppo di studenti del Liceo Pietro Metastasio di Scalea, coordinati dall’Associazione L’Altra Casa, hanno partecipato alle giornate di formazione a cura della bibliotecaria Dott.ssa Camilla Fusetti.
Nella prima giornata è stato spiegato ai giovani liceali il funzionamento di una biblioteca e come realizzare la catalogazione attraverso l’utilizzo deisoftware “Clavis” e “DiscoveryNG”.
Il giorno seguente si è passati alla parte operativa e i ragazzi hanno iniziato ad inserire i dati dei volumi sulla piattaforma, partendo dalla catalogazione di quelli acquistati con i fondi del progetto “Biblioteca al Centro” – finanziato con l’avviso misure di sostegno per biblioteche e archivi storici del Por Calabria FESR-FSE 2014/2020 Asse 6 – Azione 6.8.3 – che tra le altre attività prevedeva l’acquisto di nuovi libri.
Sono stati acquistati circa 800 nuovi testi: 200 con i simboli utilizzati nella Comunicazione Aumentativa e Alternativa (CAA), uno strumentoin grado di offrire strategie comunicative personalizzate e significative modalità interattive di fruizione della lettura che permetteranno l’utilizzo autonomo da parte di bambini molto piccoli e di quelli con disturbi specifici dell’apprendimento (DSA); 200 volumi relativi all’archeologia e all’architettura della Calabria che andranno a costituire una nuova sezione specifica della biblioteca; e il resto delle opere con argomenti vari (narrativa, libri per ragazzi, saggistica, etc.) che hanno fatto raggiungere alla biblioteca comunale “Gregorio Caloprese” un patrimonio librario di circa 6.000 volumi.
“L’attività di catalogazione – ha Evidenziato Nicola Viceconte, presidente dell’associazione L’Altra Casa – proseguirà con successivi incontri nella medesima forma e con lo stesso gruppo di studenti. Dopo aver terminato con i nuovi libri, i ragazzi del Metastasio si dedicheranno alla catalogazione di quelli già presenti in biblioteca. Il nostro obiettivo – conclude Viceconte – è quello di catalogare tutti i volumiche si trovano in biblioteca, rendendoli consultabili online e fruibili a tutti quei cittadini che vorranno consultarli o prenderli in prestito”.

Articolo precedenteConcluso con successo il secondo GreenVesting Forum
Prossimo articoloProgettualità sempre più Europeiste a CIVITA

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here