AMARELLI, WORKSHOP IED MILANO AL MUSEO

0
302

Corigliano-Rossano e la Calabria diventano ancora una volta location privilegiate per laboratori nazionali di formazione e sperimentazione nel design innovativo grazie ed attraverso il Museo della Liquirizia Giorgio Amarelli, indicato e studiato come museo d’impresa di nuova concezione, tra tradizione e innovazione.
È, questo, il titolo ed il tema del workshop prestigioso ed esclusivo conclusosi oggi (venerdì 24 novembre) che ha visto protagonisti, nel tempio della liquirizia calabrese inclusa tra i Marcatori Identitari Distintivi (MID) della Calabria Straordinaria, 19 studenti dell’Istituto Europeo di Design (IED) di Milano.
Obiettivo dell’evento didattico e del progetto di tesi sviluppato con la partecipazione di Museimpresa, promosso e coordinato dall’Architetto Geo Lanza, Design Director per lo storico brand della liquirizia ed a capo della delegazione di studenti dello storico Istituto è stato quello di suggerire, attraverso un’immersione nella realtà aziendale a 360 gradi, dagli spazi produttivi al Palazzo seicentesco sede del Museo dal 2001, dagli uffici all’innovativo Factory Store, contenuti, visioni ed esperienze per la progettazione di spazi esistenti e nuovi, per una nuova interpretazione degli aspetti museografici, per l’integrazione di sistemi tecnologici per la narrazione e la comunicazione visiva, per la creazione di spazi di condivisione esperienziale e di iper-comunicazione e per la definizione di uno scenario all’avanguardia rispondente alle aspettative dei visitatori contemporanei.
Oggetto della tesi sarà la creazione di uno spazio museale che valorizzi l’esperienza del visitatore attraverso un’immersione e una iper-comunicazione.
Il percorso, che chiede all’Interior Design di interpretare un nuovo punto di vista utilizzando i concetti dell’Exhibit Design, Light Design, Comunicazione Visiva e Tecnologia Multimediale, viaggia su otto parole chiave: Natura, Riuso, Sostenibilità, Gusto, Design, Easy Tech, Enjoy, Italianità.
La storica collaborazione con lo IED – spiega Fortunato Amarelli – testimonia l’interesse da parte del prestigioso Istituto verso i nuovi valori dei contenuti progettuali e gli scenari culturali aperti dal progetto di ricerca e ci restituisce stimoli e prospettive ulteriori.
Insieme agli studenti, hanno partecipato alla due giorni di formazione e sperimentazione da Amarelli anche il Direttore della Scuola di Design, Giacomo Bertolazzi, la responsabile dell’Ufficio Stampa e Comunicazione, Federica Spampinato e l’Assistente al Corso, Simone Rosi.

Articolo precedenteTROPEA CONFERMA IN CANADA REPUTAZIONE ESPERIENZIALE
Prossimo articoloIl presidente del Consorzio di Tutela del Bergamotto incontra il Commissario Arsac

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here