Filosofi lungo l’Oglio: i primi 2 incontri con Massimo Recalcati e Francesca Rigotti

0
43

Sarà la nuova sede della Fondazione Filosofi lungo l’Oglio ad ospitare il primo appuntamento della XIXesima edizione dell’omonimo festival diretto da Francesca Nodari, incentrato quest’anno sul tema Desiderare e diffuso in ben 21 comuni delle province di Brescia, Bergamo e Cremona. L’esordio avverrà con uno dei più affermati psicoanalisti italiani, Massimo Recalcati, che all’azienda Le Vittorie di Villachiara, mercoledì 5 giugno, dibatterà sull’elogio del desiderare, ed in particolare su ciò che rende viva la vita ma anche sugli interrogativi che nella società contemporanea mettono in crisi la conquista delle proprie ambizioni più sane, e su come possiamo rimanere solidali ad un’istanza di purezza del desiderio. L’incontro avrà inizio alle ore 21:00: il contributo di ingresso è di € 10,00.
Venerdì 7 giugno torna al festival una delle più influenti filosofe politiche e membro del comitato scietifico, Francesca Rigotti, la cui disamina verterà sull’esempio metaforico dell’asino di Buridano per argomentare la scelta dell’essere umano in assenza di desiderio e ottemperare alla permanenza della frequente difficoltà decisionale di fronte ad alternative altrettanto valide. La cornice del suo intervento sarà il giardino del palazzo municipale di Orzivecchi; l’ingresso è libero a tutti.
Nello stesso ambito sarà presentata l’esposizione dedicata al contest artistico scaturito dal sodalizio tra la Fondazione Filosofi lungo l’Oglio e l’Accademia S.Giulia di Brescia con l’obiettivo di unire l’amore per la filosofia e la passione per l’arte, un bando rivolto agli studenti, ai diplomati, nonché ai docenti dell’Accademia le cui opere vengono selezionate, esposte in cinquina e giudicate da una commissione di esperti con una menzione speciale conferita da una giuria composta dal pubblico. La mostra, che a Orzivecchi farà la prima tappa, continuerà in altri luoghi itineranti del festival.

Articolo precedenteANCHE BARBIERI TRA PROTAGONISTI ITALIA SQUISITA
Prossimo articoloLa ‘strategia life sciences’ per rendere l’Italia leader nel settore

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here