Usa 2024, gli effetti del voto in Russia sulle elezioni americane tra “democrazia a rischio” e politica estera

0
225

RICHMOND (VA) – L’esito delle elezioni-farsa in Russia si trasforma nell’ennesimo tema da aggiungere alla categoria “democrazia a rischio”.

Tutti siamo consapevoli che il voto è uno dei principali strumenti della democrazia, ma la modalità con cui si sono svolte le elezioni in Russia non possono non rappresentare un tema su cui è necessario riflettere. In vista di Usa 2024 è interessante valutare le diverse interpretazioni del presidente Joe Biden e di Donald Trump rispetto a quanto accaduto in Russia con la rielezione di Vladimir Putin per un mandato di altri 7 anni.

Secondo la Casa Bianca le elezioni non sarebbero state “né libere né eque”. sul fronte repubblicano lo stesso Trump in un intervista rilasciata alla Fox ha ammesso, seppur divagando, che Putin “potrebbe essere coinvolto nella morte di Navalny”. Molto più decisa è invece la posizione di Joe Biden, che si è apertamente espresso proprio sull’importanza della democrazia, che al giorno d’oggi appare sempre più fragile: “Viviamo in un momento senza precedenti. La democrazia e la libertà sono sotto attacco. Putin è in marcia sull’Europa e il mio predecessore si inchina a lui e gli dice di fare quel che vuole. Ma noi non ci inchineremo, io non mi inchinerò”.

Il riferimento del presidente era legato alle dichiarazioni di Trump in un comizio in South Carolina, occasione in cui il tycoon ha dichiarato che incoraggerebbe la Russia a fare “quel che diavolo vuole” a qualsiasi paese membro della NATO, negando la solidarietà agli alleati. A queste dichiarazioni si aggiunge quella del comizio in Ohio, in cui Trump ha affermato che nel caso in cui non dovesse essere eletto “sarà un bagno di sangue”.

Il presidente Biden ha commentato anche quest’ultima dichiarazione, affermando che “il veleno scorre nelle vene della nostra democrazia. La disinformazione è ovunque. C’è un ciclo tossico di rabbia e cospirazione”. Dopo l’esito del voto in Russia i Paesi occidentali inevitabilmente si interrogano sull’impatto che la rielezione di Putin avrà sulla guerra in Ucraina, dove Kiev è in crescente difficoltà e gli alleati manifestano preoccupazioni per il futuro.

La guerra in Ucraina inoltre è anche argomento elettorale di politica estera per Usa 2024 e probabilmente le scelte che gli Stati Uniti faranno nell’imminente futuro in merito al conflitto saranno vincolate dalla “popolarità” tra gli elettori. Recentemente Biden aveva annunciato di voler inviare nuovi aiuti a Kiev, ma al momento il Congresso non sembrerebbe voler assecondare la scelta del presidente. Sarà interessante vedere gli sviluppi dei prossimi mesi per vedere che ruolo giocheranno i conflitti in Ucraina e Medio Oriente nell’ambito delle elezioni americane e il modo in cui questi temi verranno affrontati dai due candidati alla presidenza. Se è vero che la democrazia è a rischio forse è arrivato il momento di fare qualcosa.

Articolo precedente“Cassa Forense e Avvocati Italiani all’Estero – Prospettive per l’Avvocato Europeo”
Prossimo articoloProstata, passi avanti su diagnosi, terapie e chirurgia

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here