Chi tutela gli interessi italiani e dei cittadini europei dopo le parole di Biden? – Analisi e testo integrale in italiano del discorso di Biden

0
758

Londra – Mentre in Italia oggi l’argomento principale nei maggiori giornali, radio e tv e’ la separazione tra la Meloni ed il suo ex-compagno, il Mondo si sta avviando velocemente verso il baratro di una guerra senza confini.

Ieri sera il Presidente Biden, dal suo ufficio “Ovale” alla Casa Bianca ha pronunciato parole non di distensione ma di vero e proprio scontro.

E lo ha fatto alzando per due volte l’indice della mano destra, significando “state attenti”.

Vediamo alcune frasi che i media italiani non hanno evidenziato e che sono a parer mio molto importanti.

Biden: “Ho anche parlato con il presidente Abbas dell’Autorità Palestinese e ho ribadito che gli Stati Uniti restano impegnati a favore del diritto del popolo palestinese alla dignità e all’autodeterminazione.” Quindi non vuole lo Stato di Palestina come stabilito dall’Onu.

Biden: “So che questi conflitti (Ucraina/Russia – Israele/Hamas) possono sembrare distanti.
Ed è naturale chiedersi: perché questo è importante per l’America?
Lasciate quindi che vi spieghi perché garantire il successo di Israele e Ucraina è vitale per la sicurezza nazionale americana.
Perche’ non ha aggiunto che sono vitali per la sicurezza anche degli alleati europei e del resto del Mondo?

Biden: “Per 75 anni la NATO ha mantenuto la pace in Europa ed è stata la pietra angolare della sicurezza americana. E se Putin attacca un alleato della NATO, difenderemo ogni centimetro della NATO che il trattato richiede.
Quindi la Nato e’ servita solo per la sicurezza americana e non europea.

Biden: “La leadership americana è ciò che tiene insieme il mondo. Le alleanze americane sono ciò che mantiene noi, l’America, al sicuro. I valori americani sono ciò che ci rende un partner con cui altre nazioni vogliono lavorare. Mettere tutto a rischio se ci allontaniamo dall’Ucraina, se voltiamo le spalle a Israele, non ne vale la pena.“.
Giudicate voi.

Biden: “E vorrei essere chiaro su una cosa: inviamo attrezzature all’Ucraina che si trovano nelle nostre scorte. E quando usiamo i soldi stanziati dal Congresso, li usiamo per rifornire le nostre scorte – le nostre scorte con nuove attrezzature – attrezzature che difendono – che difendono l’America e sono prodotte in America: missili Patriot per batterie di difesa aerea prodotte in Arizona; proiettili di artiglieria fabbricati in 12 stati in tutto il paese: Pennsylvania, Ohio, Texas; e molto di più.
Sapete, proprio come nella Seconda Guerra Mondiale, oggi, i lavoratori americani patriottici stanno costruendo l’arsenale della democrazia e servendo la causa della libertà.
Parole che illustrano perfettamente il carattere bellicoso dell’odierna politica americana.

Biden: “Siamo, come ha detto la mia amica Madeleine Albright, “la nazione indispensabile”.
Che dire… e’ egocentrismo?

Questi sono gli argomenti che secondo me sarebbero dovuti entrare nell’agenda politica italiana ed europea.
Chi tutela gli interessi italiani? Chi tutela gli interessi europei?
Le risposte a queste due domande le dovrebbero dare i politici.
Ma ci sono politici in grado di farlo?

Riccardo Cacelli
r.cacelli@cacelli.com

ECCO IL TESTO INTEGRALE IN ITALIANO DELL’INTERVENTO DEL PRESIDENTE BIDEN
FONTE “CASA BIANCA”

“Buonasera, miei concittadini americani. Siamo di fronte a un punto di svolta nella storia – uno di quei momenti in cui le decisioni che prendiamo oggi determineranno il futuro per i decenni a venire. Questo è quello che mi piacerebbe dire parlarti di stasera.

Sai, stamattina presto sono tornato da Israele.
Mi dicono che sono il primo presidente americano a recarsi lì durante una guerra.
Ho incontrato il Primo Ministro e i membri del suo gabinetto.
E, cosa ancora più commovente, ho incontrato israeliani che avevano vissuto personalmente il terribile orrore dell’attacco di Hamas del 7 ottobre.

Più di 1.300 persone sono state massacrate in Israele, tra cui almeno 32 cittadini americani. Decine di innocenti – dai neonati agli anziani nonni, israeliani, americani – presi in ostaggio.

Come ho detto alle famiglie degli americani tenuti prigionieri da Hamas, stiamo percorrendo ogni strada per riportare a casa i loro cari.
Come Presidente, per me non c’è priorità più alta della sicurezza degli americani tenuti in ostaggio.

Il gruppo terroristico Hamas ha scatenato il male puro e incontaminato nel mondo.
Ma purtroppo il popolo ebraico sa, forse meglio di chiunque altro, che non c’è limite alla depravazione delle persone quando vogliono infliggere dolore agli altri.

In Israele ho visto un popolo forte, determinato, resiliente e anche arrabbiato, sotto shock e con un dolore profondo, profondo.

Ho anche parlato con il presidente Abbas dell’Autorità Palestinese e ho ribadito che gli Stati Uniti restano impegnati a favore del diritto del popolo palestinese alla dignità e all’autodeterminazione. Le azioni dei terroristi di Hamas non risolvono questo problema immediatamente.

Come tanti altri, ho il cuore spezzato per la tragica perdita di vite umane palestinesi, inclusa l’esplosione in un ospedale di Gaza – che non è stata provocata dagli israeliani.
Piangiamo ogni vita innocente perduta. Non possiamo ignorare l’umanità dei palestinesi innocenti che vogliono solo vivere in pace e avere un’opportunità.

Sapete, l’assalto a Israele fa eco a quasi 20 mesi di guerra, tragedia e brutalità inflitte al popolo ucraino – persone che sono state gravemente ferite da quando Putin ha lanciato la sua invasione a tutto campo.
Non abbiamo dimenticato le fosse comuni, i corpi ritrovati con segni di tortura, lo stupro usato come arma dai russi e migliaia e migliaia di bambini ucraini portati con la forza in Russia, sottratti ai loro genitori. È malato.

Hamas e Putin rappresentano minacce diverse, ma hanno una cosa in comune: entrambi vogliono annientare completamente una democrazia vicina, annientarla completamente.

Hamas: Il suo scopo dichiarato di esistere è la distruzione dello Stato di Israele e l’assassinio del popolo ebraico.
Hamas non rappresenta il popolo palestinese.
Hamas usa i civili palestinesi come scudi umani e le famiglie palestinesi innocenti soffrono molto a causa loro.

Nel frattempo, Putin nega che l’Ucraina abbia o abbia mai avuto una vera statualità.
Afferma che l’Unione Sovietica ha creato l’Ucraina.
E solo due settimane fa, ha detto al mondo che se gli Stati Uniti e i nostri alleati si ritirassero – e se gli Stati Uniti si ritirano, anche i nostri alleati si ritireranno – dal sostegno militare all’Ucraina, gli sarebbe rimasta, cito, “una settimana di vita.”.
Ma non ci ritireremo.

So che questi conflitti possono sembrare distanti.
Ed è naturale chiedersi: perché questo è importante per l’America?

Lasciate quindi che vi spieghi perché garantire il successo di Israele e Ucraina è vitale per la sicurezza nazionale americana. Sapete, la storia ci ha insegnato che quando i terroristi non pagano un prezzo per il loro terrore, quando i dittatori non pagano un prezzo per la loro aggressione, causano più caos, più morte, più distruzione.
Continuano ad andare avanti e i costi e le minacce per l’America e il mondo continuano ad aumentare.

Quindi, se non fermiamo la sete di potere e controllo di Putin in Ucraina, non si limiterà alla sola Ucraina.
Lui – Putin ha già minacciato di “ricordare” – citare, “ricordare” alla Polonia che la loro terra occidentale è stata un dono della Russia.

Uno dei suoi migliori consiglieri, ex presidente della Russia, ha definito Estonia, Lettonia e Lituania le “province baltiche” della Russia.
Questi sono tutti alleati della NATO.

Per 75 anni la NATO ha mantenuto la pace in Europa ed è stata la pietra angolare della sicurezza americana. E se Putin attacca un alleato della NATO, difenderemo ogni centimetro della NATO che il trattato richiede e richiede.

Avremo qualcosa che non cerchiamo – sia chiaro: non cerchiamo – non cerchiamo che le truppe americane combattano in Russia o combattano contro la Russia.

Al di là dell’Europa, sappiamo che i nostri alleati e, forse la cosa più importante, i nostri avversari e concorrenti stanno guardando.
Stanno osservando la nostra risposta anche in Ucraina.

E se ce ne andassimo e lasciassimo che Putin cancellasse l’indipendenza dell’Ucraina, i potenziali aggressori in tutto il mondo sarebbero incoraggiati a provare lo stesso.
Il rischio di conflitti e caos potrebbe diffondersi in altre parti del mondo – nell’Indo-Pacifico, in Medio Oriente – soprattutto in Medio Oriente.

L’Iran sostiene l’Unione Sovietica in Ucraina e sostiene Hamas e altri gruppi terroristici nella regione.
E continueremo a ritenerli responsabili, potrei aggiungere.

Gli Stati Uniti e i nostri partner nella regione stanno lavorando per costruire un futuro migliore per il Medio Oriente, un futuro in cui il Medio Oriente sia più stabile, meglio collegato ai suoi vicini e, attraverso progetti innovativi come la ferrovia India-Medio Oriente-Europa corridoio che ho annunciato quest’anno al vertice delle maggiori economie del mondo.
Mercati più prevedibili, più occupazione, meno rabbia, meno rimostranze, meno guerre quando connessi.
Ne trarrebbero beneficio le persone: andrebbero a beneficio delle popolazioni del Medio Oriente e andrebbero a beneficio di noi.

La leadership americana è ciò che tiene insieme il mondo. Le alleanze americane sono ciò che mantiene noi, l’America, al sicuro. I valori americani sono ciò che ci rende un partner con cui altre nazioni vogliono lavorare. Mettere tutto a rischio se ci allontaniamo dall’Ucraina, se voltiamo le spalle a Israele, non ne vale la pena.

Ecco perché, domani, invierò al Congresso una richiesta urgente di bilancio per finanziare le esigenze di sicurezza nazionale dell’America, per sostenere i nostri partner cruciali, tra cui Israele e Ucraina.

È un investimento intelligente che pagherà i dividendi per la sicurezza americana per generazioni, ci aiuterà a tenere le truppe americane fuori pericolo, ci aiuterà a costruire un mondo più sicuro, più pacifico e più prospero per i nostri figli e nipoti.

In Israele dobbiamo assicurarci che abbiano ciò di cui hanno bisogno per proteggere la loro gente oggi e sempre.

Il pacchetto sicurezza che mando al Congresso e che chiedo al Congresso di fare è un impegno senza precedenti per la sicurezza di Israele che aumenterà il vantaggio militare qualitativo di Israele, su cui ci siamo impegnati: il vantaggio militare qualitativo.

Faremo in modo che Iron Dome continui a sorvegliare i cieli sopra Israele. Faremo in modo che gli altri attori ostili nella regione sappiano che Israele è più forte che mai e impediremo che questo conflitto si estenda.

Guardate, allo stesso tempo, il presidente [il primo ministro] Netanyahu e io abbiamo discusso nuovamente ieri della necessità fondamentale per Israele di operare secondo le leggi di guerra. Ciò significa proteggere i civili in combattimento nel miglior modo possibile. La popolazione di Gaza ha urgente bisogno di cibo, acqua e medicine.

Ieri, durante i colloqui con i leader di Israele ed Egitto, ho raggiunto un accordo per la prima spedizione di assistenza umanitaria dalle Nazioni Unite ai civili palestinesi a Gaza.

Se Hamas non prende in considerazione o non ruba questa spedizione, queste spedizioni, forniremo un’apertura per la consegna continuata di assistenza umanitaria salvavita per i palestinesi.

E come ho detto in Israele: per quanto sia difficile, non possiamo rinunciare alla pace. Non possiamo rinunciare ad una soluzione a due Stati.

Israele e i palestinesi meritano ugualmente di vivere in sicurezza, dignità e pace.

Sai, e qui a casa dobbiamo essere onesti con noi stessi. Negli ultimi anni, all’odio è stato dato troppo ossigeno, alimentando il razzismo, un aumento dell’antisemitismo e dell’islamofobia proprio qui in America.

Si è anche intensificato sulla scia dei recenti eventi che hanno portato a terribili minacce e attacchi che ci sconvolgono e spezzano i nostri cuori.

Il 7 ottobre gli attentati terroristici hanno lasciato profonde cicatrici e ricordi terribili nella comunità ebraica.

Oggi, le famiglie ebree temono di essere prese di mira a scuola, di indossare simboli della loro fede camminando per strada o di uscire con la loro vita quotidiana.

Sapete, so che molti di voi nella comunità musulmana americana o nella comunità arabo-americana, nella comunità palestinese americana e tanti altri sono indignati e feriti, dicendo a voi stessi: “Eccoci di nuovo”, con l’islamofobia e la sfiducia che abbiamo visto dopo l’11 settembre.

Proprio la settimana scorsa, una madre è stata brutalmente accoltellata, un ragazzino – qui negli Stati Uniti – un ragazzino che aveva appena compiuto sei anni è stato assassinato nella loro casa fuori Chicago.

Il suo nome era Wadea – Wadea – un orgoglioso americano, un’orgogliosa famiglia palestinese-americana.

Non possiamo restare a guardare e restare in silenzio quando ciò accade. Dobbiamo, senza equivoci, denunciare l’antisemitismo. Dobbiamo anche, senza equivoci, denunciare l’islamofobia.

E a tutti voi che soffrite – quelli di voi che stanno soffrendo, voglio che sappiate: vi vedo. Tu appartieni. E voglio dirti questo: sei tutta l’America. Sei tutta l’America.

Questo è in un momento in cui c’è – sai, in momenti come questi, quando la paura e il sospetto, la rabbia e la rabbia si fanno forti, che dobbiamo lavorare più duramente che mai per mantenere i valori che ci rendono quello che siamo.

Siamo una nazione di libertà religiosa, libertà di espressione. Abbiamo tutti il diritto di discutere e di dissentire senza timore di essere presi di mira nelle scuole, nei luoghi di lavoro o nelle nostre comunità.

E dobbiamo rinunciare alla violenza e al vetriolo, vederci l’un l’altro non come nemici ma come – ma come compagni americani.

Ieri, quando ero in Israele, ho detto che quando l’America ha vissuto l’inferno dell’11 settembre, anche noi ci siamo sentiti arrabbiati. Mentre cercavamo e ottenevamo giustizia, abbiamo commesso degli errori. Quindi ho avvertito il governo israeliano di non lasciarsi accecare dalla rabbia.

E qui in America, non dimentichiamo chi siamo. Rifiutiamo tutte le forme: tutte le forme di odio, sia contro i musulmani, gli ebrei o chiunque altro. Questo è ciò che fanno le grandi nazioni, e noi siamo grandi nazioni.

Per quanto riguarda l’Ucraina, chiedo al Congresso di assicurarsi che possiamo continuare a inviare all’Ucraina le armi di cui ha bisogno per difendere se stessa e il suo Paese senza interruzioni, in modo che l’Ucraina possa fermare la brutalità di Putin in Ucraina.

Ci stanno riuscendo.

Quando Putin ha invaso l’Ucraina, pensava che avrebbe preso Kiev e tutta l’Ucraina nel giro di pochi giorni. Ebbene, più di un anno dopo, Putin ha fallito e continua a fallire. Kiev è ancora in piedi grazie al coraggio del popolo ucraino.

L’Ucraina ha riconquistato più del 50% del territorio
Le truppe russe una volta occupavano, sostenute da una coalizione guidata dagli Stati Uniti di oltre 50 paesi in tutto il mondo che facevano tutti la loro parte per sostenere Kiev.

Cosa accadrebbe se ce ne andassimo? Siamo la nazione essenziale.

Nel frattempo, Putin si è rivolto all’Iran e alla Corea del Nord per acquistare droni d’attacco e munizioni per terrorizzare le città e la popolazione ucraina.

Fin dall’inizio ho detto che non invierò truppe americane a combattere in Ucraina.

Tutto ciò che l’Ucraina chiede è aiuto: armi, munizioni, capacità di respingere le forze d’invasione russe fuori dal proprio territorio e sistemi di difesa aerea per abbattere i missili russi prima che distruggano le città ucraine.

E vorrei essere chiaro su una cosa: inviamo attrezzature all’Ucraina che si trovano nelle nostre scorte. E quando usiamo i soldi stanziati dal Congresso, li usiamo per rifornire le nostre scorte – le nostre scorte con nuove attrezzature – attrezzature che difendono – che difendono l’America e sono prodotte in America: missili Patriot per batterie di difesa aerea prodotte in Arizona; proiettili di artiglieria fabbricati in 12 stati in tutto il paese: Pennsylvania, Ohio, Texas; e molto di più.

Sapete, proprio come nella Seconda Guerra Mondiale, oggi, i lavoratori americani patriottici stanno costruendo l’arsenale della democrazia e servendo la causa della libertà.

Vorrei concludere con questo. All’inizio di quest’anno sono salito a bordo dell’Air Force One per un volo segreto verso la Polonia. Lì, sono salito su un treno con i finestrini oscurati per un viaggio di 10 ore a tratta verso Kiev, per stare accanto al popolo ucraino in vista del primo anniversario della loro coraggiosa lotta contro Putin.

Mi è stato detto che sono stato il primo [presidente] americano ad entrare in una zona di guerra non controllata dall’esercito degli Stati Uniti dai tempi del presidente Lincoln.

Con me c’era solo un piccolo gruppo di addetti alla sicurezza e alcuni consiglieri.

Ma quando sono sceso da quel treno e ho incontrato Zelenskyy, il presidente Zelenskyy, non mi sono sentito solo. Stavo portando con me
l’idea dell’America, la promessa dell’America alle persone che oggi combattono per le stesse cose per cui combattevamo 250 anni fa: libertà, indipendenza, autodeterminazione.

E mentre camminavo per Kiev con il presidente Zelenskyy, con le sirene dei raid aerei che suonavano in lontananza, ho sentito qualcosa in cui ho sempre creduto più fortemente che mai: l’America è ancora un faro per il mondo. Ancora.

Siamo, come ha detto la mia amica Madeleine Albright, “la nazione indispensabile”.

Stasera, ci sono persone innocenti in tutto il mondo che sperano grazie a noi, che credono in una vita migliore grazie a noi, che cercano disperatamente di non essere dimenticate da noi e che ci stanno aspettando.

Ma il tempo è essenziale.

So che abbiamo le nostre divisioni a casa. Dobbiamo superarli. Non possiamo lasciare che una politica meschina, faziosa e rabbiosa ostacoli le nostre responsabilità di grande nazione.

Non possiamo e non permetteremo che vincano terroristi come Hamas e tiranni come Putin. Mi rifiuto di lasciare che ciò accada.

In momenti come questi, dobbiamo ricordare: dobbiamo ricordare chi siamo. Siamo gli Stati Uniti d’America – gli Stati Uniti d’America. E non c’è niente, niente che vada oltre le nostre capacità se lo facciamo insieme.

Miei cari americani, grazie per il vostro tempo.

Articolo precedenteGli italiani e la loro passione per il gioco d’azzardo
Prossimo articoloimpulsQ GmbH: La fortuna chiama nei Grigioni: chi riesce a trovare una marmotta e uno stambecco?
Business Advisor in Advanced Air Mobility and Urban Air Mobility, Unconvetional Marketing, Blue Ocean Strategy www.cacelli.com r.cacelli@cacelli.com

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here