Usa 2024, dubbi tra i democratici sulla candidatura di Biden: serpeggia il nome di Michelle Obama

0
82
Michelle Obama
Michelle Obama

RICHMOND (VA) – Si rinnovano le preoccupazioni tra i democratici per la candidatura dell’attuale presidente degli Stati Uniti Joe Biden alle elezioni del 2024. Il presidente ha 81 anni e le sue condizioni fisiche creano diverse preoccupazioni. A far tornare il tema alla ribalta è stato un pronostico di Nikki Haley, unica vera rivale di Donald Trump tra i repubblicani, secondo cui “Biden non sarà il candidato Usa 2024 dei democratici”.

In questi giorni sta prendendo piede il nome di Michelle Obama, menzionata in tutte le occasioni in cui viene evocata la necessità di una alternativa all’attuale presidente. Si è anche parlato molto del governatore della California Gavin Newsom e della governatrice del Michigan Gretchen Whitmer, ma entrambi non hanno la stessa visibilità nazionale di Michelle Obama, che per il momento tra i democratici sarebbe la prima alternativa a Biden nel caso di una sua eventuale candidatura. Strade sbarrate invece per l’attuale vicepresidente Kamala Harris.

Se da un lato l’indiscrezione legata a Michelle Obama esalta una buona parte dei democratici, dall’altro c’è anche chi manifesta dei seri dubbi sul fatto che Michelle Obama possa presentare la sua candidatura. Per esempio in un’intervista rilasciata alla Cnn David Axelrod, curatore delle campagne elettorali di Barack Obama, sostiene che ci siano poche possibilità sulla sua candidatura: “Michelle ama questo Paese, è una persona brillante e una brillante comunicatrice, ma la politica non le piace. Ci sono più chances che io balli il prossimo anno al Bolshoi che Michelle si candidi”.

Dalla Casa Bianca si sostiene invece che le critiche legate all’età di Biden sono solo una manifestazione di paura da parte degli avversari, anche se allo stato attuale sembrerebbe che ci siano delle importanti frizioni interne tra i democratici sul contributo che l’attuale presidente potrebbe dare nel caso di una sua eventuale rielezione.

Dalla parte repubblicana per il momento si parla del duro scontro elettorale Donald Trump e Nikki Haley. L’ex presidente si divide tra attacchi alla sua rivale e a Biden e mentre attende il processo in Florida fa campagna elettorale in South Carolina, annunciando un maxi-piano di espulsioni per migranti irregolari: “Il primo giorno che sarò alla Casa Bianca porrò fine alla politica dei confini aperti dell’Amministrazione Biden e lancerò la maggiore operazione di espulsioni della storia americana”.

Articolo precedenteRichmond, spari in aria la notte di capodanno: due arresti
Prossimo articoloMigranti, de Pascale (sindaco Ravenna): “Accoglienza delle città unico anello umano ed efficiente. Dal governo solo demagogia”

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here