Usa 2024, dopo il dibattito i democratici chiedono a Biden di lasciare la corsa alla Casa Bianca

0
63
Sostenitore di Trump durante il comizio in Virginia - Foto di Stefano Scibilia
Sostenitore di Trump durante il comizio in Virginia - Foto di Stefano Scibilia

RICHMOND (VA) – Il mondo intero ha avuto modo di vedere la mancanza di lucidità da parte del presidente Joe Biden durante il primo dibattito presidenziale di questa tornata elettorale con il rivale repubblicano Donald Trump, andato in scena lo scorso giovedì negli studi della Cnn ad Atlanta.

Nella giornata seguente Biden ha tenuto un comizio in North Carolina, dove ha pubblicamente ammesso di non saper condurre un dibattito così come faceva in passato, dichiarando però in sua difesa di essere ancora in grado di fare il presidente: “So dire la verità, so distinguere ciò che è giusto o sbagliato e so come fare questo mestiere”. il pubblico che si è presentato al comizio lo ha acclamato, dimostrando sostegno in questo periodo difficile della campagna elettorale.

Quasi in contemporanea Trump ha tenuto invece un comizio in Virginia, dove oltre a ribadire di aver avuto la meglio rispetto al rivale democratico nel primo confronto diretto della campagna, ha portato avanti i soliti slogan, sostenendo ancora una volta che “il 5 novembre sarà il giorno più importante nella storia degli Stati Uniti” e attribuendo a Biden i soliti aggettivi di “corrotto” e “addormentato” tra il tripudio della folla.

La brutta performance di Biden all’ultimo dibattito ha creato forti dubbi tra i democratici, tanto che in molti hanno chiesto un suo ritiro dalla corsa alla Casa Bianca. Anche la stampa americana ha emesso delle dure sentenze nei confronti dell’attuale presidente dopo i 90 minuti di dibattito. In un articolo del New York Times si legge che “stando così le cose, il presidente sta giocando un gioco pericoloso. Ci sono leader democratici meglio attrezzati per offrire una chiara, stiolante ed energica alternativa a un secondo mandato di Trump presidente”.

La storia ci insegna che oltre ai contenuti di primaria importanza per gli elettori, nei dibattiti è altrettanto importante esporre le proprie tesi in modo empatico. Sotto questo aspetto l’ex presidente Trump, pur esponendo dati non corrispondenti al vero e tesi decisamente discutibili, ha nettamente avuto la meglio rispetto a Biden.

Secondo quanto reso pubblico dalla Cnn, il 67% degli spettatori del dibattito hanno attribuito la superiorità a Trump, mentre solo il 33% si è schierato con Biden. Intanto la vicepresidente Kamala Harris ha esortato gli elettori a concentrarsi maggiormente sulle cose fatte dall’attuale presidente in questi anni.

I democratici dopo la prestazione di Biden sono estremamente preoccupati e dubbiosi sul fatto che quest’ultimo possa vincere le elezioni e sono soprattutto dubbiosi sulla lucidità nel poter governare il Paese per altri 4 anni. Nelle ore immediatamente successive al confronto televisivo non sono mancati appelli senza precedenti per fare in modo che Biden abbandoni la corsa alla Casa Bianca prima che venga ufficializzata la sua nomina nella convention democratica di agosto.

Tra le ipotesi c’è anche la possibilità che Biden possa mollare la corsa su indicazioni dell’ex presidente Barack Obama e nonostante le dichiarazioni a caldo del presidente non facciano presagire cambi di programma in vista di novembre, il toto nomi per una sostituzione è già partito e riguarda diversi governatori democratici dei vari stati, mentre risulta attualmente improbabile, nonostante le grandi capacità, una nomination per la vicepresidente Kamala Harris. Una delle poche certezze è che dal punto di vista storico i cambi in corsa non hanno mai portato risultati positivi per i democratici dal dopoguerra a oggi.

Articolo precedenteRoma: dal 1° luglio parte una nuova arena estiva Cinevillage a Villa Lazzaroni!
Prossimo articoloIyalia fu0ri dagli Europei

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here